La Fede: presunto disturbo cognitivo?

Milioni di persone in tutto il mondo professano una fede nella religione o credono in forze mistiche, regni ed esseri al di là della nostra comprensione. Scettici e atei, che si rivolgono verso una scienza che non riesce a spiegare la metafisica, si oppongono alla fede o al credo in tali idee non scientifiche. Anche con la diffusione delle conoscenze scientifiche e del progresso tecnologico, le persone si rivolgono ancora verso il soprannaturale per spiegare ciò che non riescono a capire. I velivoli furtivi diventano veicoli spaziali extraterrestri con ingegneria inversa.

I medium sono più popolari che mai, come milioni di persone si rivolgono a loro per consigli, previsioni e per contattare i cari defunti. I guaritori della fede cristiana sono ancora diffusi. La maggior parte delle persone seguono un certo tipo di religione basata sulla fede. Ci sono anche coloro che fanno pressione per includere il creazionismo nelle classi di scienze. Anche se molte credenze mistiche popolari sono state completamente esposte come frode o fenomeno naturale frainteso, anche se esposte come mito puro, i credenti continuano ad aggrapparsi alle ipotesi speculative. Perché? E importa davvero cosa credono le persone? La fede nell’ ignoto è una cosa dannosa?

Due professori, Charlie Wynn e Arthur W. Wiggins, autori del libro Quantum Leaps In The Wrong Direction, hanno fatto una controversa affermazione che la credenza nelle forze mistiche può ostacolare la capacità di pensare razionalmente, in particolare quando si tratta di prendere importanti decisioni di vita. Dopo aver esaminato le credenze popolari come ESP, astrologia, esperienze fuori dal corpo, e UFO, Wynn e Wiggins spiegano che tali credenze siano comuni. Inoltre, concludono che la fede nell’ ignoto o la mancanza di scetticismo porta le persone a rischiare persino la loro vita. Per esempio, si può scegliere un trattamento alternativo ricercando un “chirurgo” psichico invece di accettare un trattamento medico standard, anche se hanno una condizione di salute potenzialmente letale. Inoltre, molti sono spaventati da medium che fanno pagare un prezzo elevato per i loro servizi solo per ingannare il credulone con illusioni in scena.

Nonostante le pretese stravaganti come la vita eterna da un anello di plastica, o l’ esposizione di mezzi fraudolenti e guaritori della fede, molti credenti sono stati trovati a rifiutare spiegazioni ovvie a favore di quelle mistiche più seducenti. Tale comportamento è stato descritto come un presunto disturbo cognitivo noto come sindrome da vero credente. M. Lamar Keene, che ha coniato il termine, ha scoperto che molti credenti sostengono le loro convinzioni anche contro la realtà dei fatti. In una citazione irriverente di un giornalista, recensore di libri e commentatore politico H. L. Mencken, osserva:”La fede può essere definita brevemente come una credenza illogica nel verificarsi dell’ improbabile. Un uomo pieno di fede è semplicemente colui che ha perso (o non ha mai avuto) la capacità di pensare in modo chiaro e realistico”. Ma la fede in Dio o la fede nel paranormale, nonostante tutte le prove contrarie, significa davvero che la gente ha un disturbo psicologico? La speculazione o l’ apertura mentale al misterioso fenomeno rende un fenomeno irrazionale e ingenuo?

La ricerca condotta da Eric Hoffer, autore di “The True Believer”,  suggerisce che coloro che si aggrappano a credenze non veritiere sono semplicemente affetti da un caso di insicurezza o dal desiderio di “liberarsi dal peso della libertà”. Una ricerca santa o un sostegno divino per le proprie azioni o convinzioni può trasformare l’ insicurezza in zelo religioso. Inoltre, spesso è più facile dire cosa fare piuttosto che ascoltare la propria mente e assumersi la responsabilità delle conseguenze  della propria moralità. Invece di assumersi la responsabilità di prendere decisioni sbagliate, è più facile incolpare il risultato di maledizioni, attacchi satanici o superstizioni.  La paura è un altro fattore che può contribuire a una credenza apparentemente irrazionale in cose che sfidano la scienza. Le conseguenze percepite per il rifiuto di rivendicazioni religiose come il creazionismo o un’ alluvione globale possono portare a sostenere tali credenze nonostante evidentemente le prove scientifiche che le confutano.

Wynn e Wiggins incolpano la mancanza di educazione scientifica la causa della proliferazione di temi paranormali nei media