Anorgasmia o DOM: cosa fare se non si è in grado di avere un orgasmo

Il nostro corpo non sempre ci è gentile – dai rischi per la salute alle malattie croniche fino all’ incapacità di avere un orgasmo – è un rapporto complicato che richiede comprensione, pazienza e guarigione.

Il 5-10 per cento delle persone con cervice uterina soffrono di anorgasmia – l’ incapacità di avere un orgasmo – noto anche come sindrome di Coughlan o DOM (DOM) (disordine orgasmico femminile). Nelle coppie eterosessuali, il 95% degli uomini ha un orgasmo, mentre le donne hanno un orgasmo dal 50 al 70%. Gran parte di questa discrepanza risiede nella mancanza di informazione, comunicazione e comprensione.

Ci sono tre diversi tipi di anorgasmia secondo Mayo Clinic:

Primario – significa che l’ individuo non è mai stato in grado di avere un orgasmo
Secondario – l’ abilità di avere un orgasmo può venire e andare senza alcun motivo
Situazionale – a seconda del partner e della situazione l’orgasmo può manifestarsi o meno

Il disturbo può essere causato da abuso infantile, diabete, farmaci, fumo e alcol. Inoltre, anche lo stress, l’ ansia,  la bassa autostima possono contribuire all’ anorgasmia.

Se soffrite di anorgasmia, che è più comune di quanto pensiamo, ci sono alcuni passi che potete fare prima di rinunciare a qualsiasi speranza di una vita sessuale di successo. E’ anche meglio iniziare a cercare alternative e metodi che possono guarire in precedenza prima di aspettare un lungo periodo di tempo che si traduce in ulteriore ansia e stress.

Anche se l’ anorgasmia può essere difficile da trattare, è importante esaminare le questioni di fondo che potrebbero contribuire al disturbo.

Megan Ward ha detto sul Daily Mail che lei non ha mai raggiunto un climax sessuale a causa della sua ansia diagnosticata. Dice:”Non ho mai avuto un orgasmo, non una volta, non da sola, né con un partner, né con un vibratore” Per Ward, si avvicina a un climax e poi il suo cervello si spegne ogni stimolazione a causa di un’ ansia schiacciante.

Mentre l’ anorgasmia è una condizione medica, è tipicamente causata da preoccupazioni psicologiche, sociali e culturali che sono più adatti per la terapia.

Inoltre, la prescrizione e i farmaci da banco possono alterare il corpo, e questo include la capacità di orgasmo. Contattare il proprio medico se avete dubbi circa l’ interferenza.

Pratiche di masturbazione
Un componente importante per il sesso e la coppia è capire prima di tutto il proprio corpo. La “masturbazione diretta” è una tecnica durante la quale un individuo con cervice impara su come raggiungere un orgasmo,è possibile dirlo al partner durante il rapporto sessuale o i preliminari. Provando diversi giocattoli, provando le zone erogene (tutte e quattro), e sperimentando da soli i punti di pressione, si possono capire le sensazioni e le risposte del proprio corpo.

Provare diverse posizioni e punti di piacere
I ricercatori hanno recentemente scoperto il “trio d’ oro”, che comprende 1) bacio intenso 2) stimolazione genitale e 3) sesso orale.

Dal momento che il 30% degli uomini pensa che “il rapporto sessuale è il modo migliore per le donne di avere un orgasmo,” una certa educazione è sicuramente necessaria per tutte le persone coinvolte. Sperimentare diversi punti di piacere sul clitoride, incorporando la penetrazione con stimolazione clitoridea o varie nuove posizioni può aiutare a sbloccare un orgasmo.

Terapia
Come già detto, l’ anorgasmia è tipicamente causata da un fattore psicologico, che dovrebbe portare alla terapia sessuale per un recupero completo. Se avete un partner fisso, visitate il terapeuta con il vostro partner per capire la profondità dell’ anorgasmia e per assicurarvi di essere entrambi informati. Le coppie vengono informate su come l’ eccitazione sessuale funziona per le persone con una cervice uterina, e il terapeuta discute le differenze nei cicli di risposta.

Il vostro terapeuta potrebbe raccomandare una serie di pratiche come Kegels e masturbazione. Inoltre, la consulenza toccherà le risposte emotive come fattore che contribuisce all’ orgasmo o alla sua mancanza.

Il successo della terapia e della pratica può migliorare notevolmente la condizione di un individuo. La diagnosi di anorgasmia è il primo passo. C’ è un tasso di successo dell’ 80-90 per cento dell’ anorgasmia primaria che viene trattata con la terapia. Milioni di individui non hanno bisogno di rinunciare al desiderio di raggiungere l’ orgasmo – desiderio, soluzioni e benessere sono dietro l’ angolo.

Ammettere di non poter raggiungere un orgasmo è il primo passo. Anorgasmia può sembrare inizialmente alienante. Scoprire una soluzione non deve necessariamente essere un’ esperienza deprimente o estenuante.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…