Bassi livelli di estrogeni possono creare ansia

Secondo il Dr. Prudence Hall, ginecologo e chirurgo, bassi livelli di estrogeni possono creare ansia.

Quando l’ estrogeno raggiunge il punto più basso del ciclo di una donna  si traduce in tutti i sintomi della PMS (sindrome pre mestruale), compresa l’ ansia. Non è il ciclo che causa ansia, ma bassi livelli di estrogeni che si verificano durante un ciclo. Basso estrogeno causa ansia, depressione, stanchezza, dolori al corpo.

Il dottor Fahimeh Sasan, un OB-GYN dell’ ospedale Mount Sinai di New York, ha parlato alla Women’s Health su come i metodi contraccettivi come la pillola possono aiutare a ridurre i sintomi della SM. Se non state ovulando, non state vivendo un cambiamento di ormoni, dovrebbe certamente aiutare con PMS  spiega Sasan.

Mentre questa raccomandazione è spesso fatta alle donne come mezzo per tenere cicli non regolari sotto controllo, gli ormoni sintetici non funzionano per tutti.Ma questo è certamente un metodo per controllare potenzialmente i sintomi negativi associati con PMS, tra cui l’ ansia, per coloro che vogliono utilizzare la contraccezione ormonale.

È chiaro che l’ estrogeno è strettamente legato al benessere emotivo delle donne. Depressione e ansia influenzano le donne nei loro anni di produzione di estrogeni più spesso di uomini o donne in postmenopausa. Estrogeno è anche collegato a disturbi dell’ umore che si verificano solo nelle donne – sindrome premestruale, disturbi disforici premestruali, e la depressione post-partum.

 

A partire dalla pubertà, le ovaie di una donna iniziano a rilasciare estrogeni  con ogni ciclo mestruale mensile. A metà ciclo innescano il rilascio di un uovo (ovulazione). Poi riscendono altrettanto rapidamente. Durante il resto del mese, i livelli di estrogeni salgono e scendono gradualmente.

Livelli normali di estrogeni variano ampiamente, l’ estrogeno è un attore importante nella regolazione degli stati d’ animo. Gli estrogeni agiscono ovunque nel corpo, comprese le parti del cervello che controllano l’ emozione e :

Aumento serotonina, e il numero di recettori della serotonina nel cervello.
modificano la produzione e gli effetti delle endorfine, le sostanze chimiche “feel-good” nel cervello.
Proteggono i nervi dai danni e possibilmente stimolano la crescita dei nervi.
Che cosa significano questi effetti in una donna è impossibile da prevedere,nonostante gli effetti apparentemente positivi degli estrogeni sul cervello, gli stati d’ animo di molte donne migliorano dopo la menopausa, quando i livelli di estrogeni sono molto bassi.

Sindrome degli estrogeni e premestruale (PMS)

Fino al 90% delle donne sperimentano sintomi sgradevoli prima dei loro cicli. Se i sintomi sono abbastanza gravi da interferire con la qualità della vita, è definita come sindrome premestruale (PMS). In generale, PMS è presente quando:

I sintomi fisici ed emotivi si manifestano in modo sicuro pochi giorni prima di più mestruazioni consecutive (periodi).
I sintomi scompaiono dopo aver completato un periodo e non si manifestano in altri momenti.
I sintomi causano problemi personali significativi (come ad esempio al lavoro, a scuola o nelle relazioni).
Nessun medicinale, droga, alcol o altre condizioni di salute può esserne responsabile.
Gonfiore, gonfiore di braccia o gambe e gonfiore del seno sono i sintomi fisici usuali. Essere eccessivamente emotiva, avere depressione, rabbia e irritabilità, o ansia e ritiro sociale possono essere presenti. Fino a 20% – 40% delle donne possono avere PMS ad un certo punto della vita.

Dal 3% al 9% delle donne soffrono di disturbi disforici premestruali (PMDDD).

I livelli di estrogeni nelle donne con PMS o PMDDD sono quasi sempre normali. Il problema può invece risiedere nel modo in cui gli estrogeni “parlano” alle parti del cervello coinvolti nell’ umore.

Estrogeni e depressione post-partum

Avere tristezza e depressione dopo il parto è così comune che è considerato normale. Tuttavia, il 10% – 25% delle donne soffre di una depressione grave entro i primi sei mesi dal parto. Il brusco calo improvviso di estrogeni dopo il parto sembra l’ ovvio colpevole – ma questo collegamento non è mai stato dimostrato.

La depressione post-partum è trattata come qualsiasi altra depressione, con antidepressivi, terapia o entrambi. Alcuni preparati di estrogeni vengono somministrati come potenziale aggiunta a questi trattamenti.

Estrogeni e depressione perimenopausale

Nei mesi o anni precedenti la menopausa (chiamata perimenopausa), i livelli di estrogeni sono imprevedibili. Durante la perimenopausa, fino al 10% delle donne soffre di depressione che può essere causata da livelli di estrogeni instabili. Alcuni studi suggeriscono che l’ uso di un cerotto di estrogeni transdermici da solo può migliorare la depressione durante la perimenopausa.

 

[the_ad id=”2295″]

 

Estrogeni e la depressione post-menopausa

In menopausa, i livelli di estrogeni scendono a livelli molto bassi. È interessante notare che l’ assunzione di estrogeni orali non migliora la depressione nelle donne dopo la menopausa. In studi di valutazione della terapia ormonale sostitutiva, le donne che assumono estrogeni hanno riferito la stessa salute mentale delle donne che assumono placebo. Dopo la menopausa, i tassi di depressione delle donne diminuiscono, diventando simili a quelli degli uomini della stessa età.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…