Bungee Jumping piu alto di Italia

Oggi, il bungee jumping è uno sport estremo comune che si può trovare in quasi tutti i paesi del mondo.
Il neozelandese A.J. Hackett è considerato il creatore del bungee jump, ma mentre certamente lo ha reso popolare e ha creato il primo salto commerciale, la storia del bungee risale a molto tempo fa probabilmente più lontano di quanto si pensi.

Il Bungee Jumping piu alto di Italia si trova a Ponte Valgardena, VI (175 mt)

 

 

Origini del bungee Jumping in Vanuatu

Il Bungee jumping è stato in realtà ispirato dal rituale conosciuto come ‘land diving’, che ha avuto origine centinaia o forse migliaia di anni fa sull’isola di Pentecoste una delle isole che compongono il paese di Vanuatu nel Pacifico meridionale.
Il rituale è nato come parte di un’antica storia di una donna locale che veniva maltrattata dal marito. La leggenda dice che spesso ha tentato di fuggire per poi essere catturata e punita. Così ha escogitato un piano e quando è scappata si è arrampicata sull’albero di banyan più alto dell’isola, legando una vite intorno alla caviglia mentre si dirigeva verso la cima. Suo marito l’ha seguita nel tentativo di catturarla e riportarla indietro. Quando ha raggiunto la cima dell’albero, la donna è saltato a terra e la vite ha rotto la sua caduta. Ha poi deriso il marito, dicendo che era troppo codardo per eseguire il salto da solo. Senza vite intorno alla caviglia, il marito si gettò dietro di lei, per poi cadere e morire.
L’evento è stato celebrato da allora, gli isolani costruiscono una torre e poi vi saltavano per dare il loro coraggio e allontanare gli spiriti malvagi, compreso quello del marito che è precipitato morendo. Si ritiene che un raccolto Yam di successo può essere ottenuto solo se il rituale ha luogo.

Gli abitanti di Vanuatu costruiscono torri di legno alte 75 piedi nei centri dei loro villaggi, fresando il terreno sotto le torri rimuovendo rocce o detriti. Poi, legano lunghe ed elastiche viti intorno alle caviglie. E poi, in uno o due giorni in tarda primavera, saltano. Gli isolani credono che, quando i capelli degli uomini sfregano contro il terreno al nadir della loro caduta, ciò fertilizza il terreno e aiuta a garantire un abbondante raccolto di patate dolci.
Naghol è anche una grande scusa per feste in tutto il villaggio; mentre gli uomini si mettono in fila per tuffarsi, la folla balla e canta al di sotto. Prima di saltare, alzano le braccia in un segnale che mette a tacere la folla di tifosi, e “come se riconoscendo che il loro prossimo atto potrebbe essere il loro ultimo atto” rivelano i loro pensieri più privati. Poi battono le mani, incrociano le braccia in posa da cadavere e si tuffano. In basso, supponendo che  sopravviva, i parenti maschi slegano le caviglie e lo girano a destra verso l’alto, alle urla della folla adorante.

Quando il leggendario naturalista David Attenborough visitò l’isola di Pentecoste con una troupe televisiva della BBC nel 1950, il mondo vide per la prima volta i salti a terra. Naturalmente, è stata solo una questione di anni (29, per l’esattezza) prima che gli occidentali in cerca di brividi ne seguissero l’esempio.

Negli anni ’70, il primo filmato di questo rituale è emerso in tutto il mondo. Una copia del filmato è arrivata nelle mani del Dangerous Sports Club dell’Università di Oxford – un gruppo di persone con sede a Oxford e Londra. Questi sono stati alcuni dei primi pionieri degli sport estremi e infatti hanno coniato la parola ‘bungee’ in riferimento ai loro primi tentativi di emulare i salti.

Nel 1979 i membri del club hanno visitato il Clifton Suspension Bridge a Bristol dove hanno effettuato il primo bungee jump di successo. Tuttavia, è stato visto come un’attività di nicchia che il club ha confinato ai propri soci. Il club stesso aveva una politica di vestirsi in abiti piuttosto aristocratici e c’era un elemento di elitarismo che circondava il gruppo.

Il 1 giorno di aprile 1979,  gli spettatori del Clifton Suspension Bridge a Bristol, in Inghilterra, hanno assistito a quello che sembrava essere un suicidio. Vestito con un cappello a cilindro e code e abbracciando una bottiglia di champagne, David Kirke, 33 anni, ha fatto un back flip off the bridge, 250 piedi sopra il fiume Avon. Con grande sorpresa di testimoni inorriditi, Kirke non ha mai colpito l’acqua; invece, ha rallentato poco prima di raggiungere la sua superficie, poi ha iniziato una nuova salita verso il ponte. Al che tre amici in smoking di Kirke  fecero  il salto, e quando arrivò la polizia i quattro erano appesi alle estremità delle loro corde elastiche fatte in casa. In rapida successione sono stati arrestati, multati di 100 sterline e sono diventati celebrità  durante la notte.

Fino a quando il bungee jumping ha fatto la sua strada per la Nuova Zelanda che lo sport ha guadagnato notorietà in tutto il mondo.
Mentre l’Oxford University Dangerous Sports Club può aver inventato il concetto di bungee jumping come attività piacevole, è stato allora che A.J. Hackett e alcuni dei suoi amici che lo hanno portato al mainstream. Hackett e il suo cameraman Chris Sigglekow avevano visto le riprese dei salti a Vanuatu e avevano imparato a conoscere i salti sperimentali del Club ed erano ansiosi di provarli loro stessi.

Creando una corda elastica hanno eseguito il loro primo salto dal Greenhithe Bridge ad Auckland nel 1986. Il salto è andato esattamente come pianificato e i due si sono divertiti così tanto che hanno promesso di tentare salti più in alto. Con altri amici, hanno visitato diversi altri ponti in Nuova Zelanda prima di dirigersi verso l’Europa.
Durante questo periodo si allontanarono dal sistema di utilizzare un’imbracatura da paracadute (il che significava che saltavano prima i piedi) o una cavigliera, permettendo loro di saltare a testa alta. Un incontro con le autorità neozelandesi ha portato la polizia a contattare la Television New Zealand per pubblicare una storia che avverte la gente di non saltare dai ponti. Tuttavia, questo in realtà ha agito come pubblicità per Hackett e ha suscitato l’interesse per l’idea.

Bungee ha catturato l’immaginazione del pubblico e Hackett ha visto questa opportunità di esplorare ulteriormente l’idea. Ha attirato ancora di più l’attenzione dei media quando è riuscito a saltare illegalmente dalla Torre Eiffel.

Hackett ha aperto il primo sito commerciale al mondo di bungee jump nel 1988 a Ohakune, prima di aprire un’attività permanente al Kawarau Bridge a Queenstown. Oggi Queenstown è conosciuta in Nuova Zelanda come un centro di sport estremi e attira oltre 500.000 visitatori all’anno.

You might also like

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

Processing files…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi