Home / Curiosità / Di cosa sono fatte le comete e come si formano?
Di cosa sono fatte le comete e come si formano
Di cosa sono fatte le comete e come si formano

Di cosa sono fatte le comete e come si formano?

Le comete sono corpi ghiacciati nello spazio che rilasciano gas o polveri. Sono spesso paragonati a palle di neve sporche. Le comete contengono polvere, ghiaccio, anidride carbonica, ammoniaca, metano e molto altro ancora. Gli astronomi pensano che le comete siano avanzi del materiale che ha inizialmente formato il sistema solare circa 4,6 miliardi di anni fa.Alcuni ricercatori pensano che le comete avrebbero potuto originariamente portare sulla Terra alcune delle molecole d’ acqua e organiche che oggi qui costituiscono la vita. Per indagare questa ipotesi, la missione Rosetta, che il 12 novembre 2014 ha atterrato una sonda su una cometa, sta studiando il suo nucleo e il suo ambiente, osservando come cambia man mano che si avvicina al sole.

Le comete orbitano intorno al sole, ma la maggior parte di esse si trova in una zona nota come Oort Cloud, ben oltre l’ orbita di Plutone. Occasionalmente una cometa si distende attraverso il sistema solare interno; alcune lo fanno regolarmente, altre solo una volta ogni pochi secoli.

Come si formano le comete

Il nucleo solido  di una cometa è costituito per lo più da ghiaccio e polvere rivestiti di materiale organico scuro, secondo la NASA, con il ghiaccio composto principalmente da acqua congelata ma forse anche da altre sostanze congelate, come ammoniaca, anidride carbonica, monossido di carbonio e metano. Il nucleo può avere un piccolo nucleo roccioso.

Quando una cometa si avvicina al sole, il ghiaccio sulla superficie del nucleo inizia a trasformarsi in gas, formando una nube nota come coma. La radiazione solare spinge le particelle di polvere lontano dal coma, formando una coda di polvere, mentre le particelle cariche dal sole convertono alcuni gas della cometa in ioni, formando una coda di ioni. Poiché le code di cometa sono modellate dalla luce solare e dal vento solare, puntano sempre lontano dal sole.

A prima vista, comete e asteroidi possono apparire molto simili. La differenza sta nella presenza del coma e della coda. A volte, una cometa può essere erroneamente identificata come asteroide prima che le osservazioni successive rivelino la presenza di una o entrambe queste caratteristiche.

I nuclei della maggior parte delle comete si pensa che misurino 10 miglia (16 chilometri) o meno. Alcune comete hanno coma che possono raggiungere quasi 1 milione di miglia (1,6 milioni di km) di larghezza, e alcune hanno code che raggiungono 100 milioni di miglia (160 milioni di km) di lunghezza.

Possiamo vedere un certo numero di comete ad occhio nudo quando passano vicino al sole perché le loro coma e code riflettono la luce del sole o anche i bagliori a causa dell’ energia che assorbono dal sole. Tuttavia, la maggior parte delle comete sono troppo piccole o troppo deboli per essere viste senza telescopio.

Le comete lasciano dietro di loro una scia di detriti che possono portare a piogge meteoritiche sulla Terra. Ad esempio, la pioggia meteoritica di Perseid si verifica ogni anno tra il 9 e il 13 agosto quando la Terra passa attraverso l’ orbita della cometa Swift-Tuttle.

 

Caratteristiche orbitali delle comete

Gli astronomi classificano le comete in base alla durata delle loro orbite intorno al sole. Le comete di breve periodo hanno bisogno di circa 200 anni o meno per completare un’ orbita, le comete di lungo periodo impiegano più di 200 anni, e le comete di sola apparizione non sono legate al sole, sulle orbite che le estraggono dal sistema solare, secondo la NASA. Recentemente, gli scienziati hanno scoperto anche le comete nella cintura asteroide principale – queste comete potrebbero essere una fonte chiave di acqua per i pianeti terrestri interni.

Gli scienziati pensano che le comete di breve periodo, conosciute anche come come comete periodiche, provengano da una banda a forma di disco di oggetti ghiacciati noti come la Kuiper Belt al di là dell’ orbita di Nettuno, con interazioni gravitazionali con i pianeti esterni che trascinano questi corpi verso l’ interno, dove diventano comete attive.

Alcune comete, chiamate rasoioli solari, si frantumano al sole o si avvicinano così tanto da rompersi e evaporare. Alcuni ricercatori temono inoltre che le comete possano rappresentare una minaccia anche per la Terra.

In generale, le comete prendono il nome dal loro scopritore. Ad esempio, la cometa Shoemaker-Levy 9 prese il suo nome perché era la nona cometa di breve periodo scoperta da Eugene e Carolyn Shoemaker e David Levy,si sono rivelati molto efficaci anche nell’ individuazione delle comete le missioni spaziali, per cui i nomi di molte comete incorporano i nomi di missioni come SOHO o WISE.

 

Storia delle comete

Nell’ antichità, le comete ispirarono sia stupore che allarme, simili a spade di fuoco che apparivano imprevedibilmente nel cielo. Spesso le comete sembravano presagi di sventura – la mitologia più antica conosciuta, l’ epica babilonese di Gilgamesh, descriveva il fuoco, la pietra e l’ inondazione con l’ arrivo di una cometa, e l’ imperatore romano Nerone si salvò dalla “maledizione della cometa” facendo giustiziare tutti i possibili successori al suo trono. Questa paura non si limitava solo al lontano passato: nel 1910, la gente di Chicago sigillava le finestre per proteggersi da quella che pensava fosse la coda pericolosa della cometa.

Per secoli, gli scienziati pensarono che le comete viaggiavano nell’ atmosfera terrestre, ma nel 1577, le osservazioni dell’ astronomo danese Tycho Brahe rivelarono che in realtà viaggiavano ben oltre la luna. Isaac Newton scoprì più tardi che le comete si muovono in orbite ellittiche di forma ovale intorno al sole, e pronosticò correttamente che potevano tornare di nuovo.

Gli astronomi cinesi hanno conservato per secoli un’ ampia documentazione sulle comete, comprese le osservazioni della Cometa di Halley che risalgono ad almeno 240 a. C., annali storici che hanno dimostrato preziose risorse per gli astronomi successivi.

Numerose missioni recenti si sono avventurate nelle comete.. Nel 2009, la NASA ha annunciato i campioni della missione Stardust restituita da Comet Wild 2, rivelando un elemento costitutivo della vita.

Nel 2014, la navicella Rosetta dell’ Agenzia spaziale europea è entrata in orbita intorno al Comet 67P/Churyumov-Gerasimenko. Tra le molte scoperte della missione Rosetta c’ era il primo rilevamento di molecole organiche sulla superficie di una cometa;  le possibilità che la forma strana della cometa possa essere dovuta alla sua disgregazione, o a due comete che si fondono insieme;  Il 30 settembre 2016 Rosetta è deliberatamente atterrata sulla cometa, chiudendo la sua missione.

 

Comete famose : la cometa di Halley

La Cometa di Halley è probabilmente la cometa più famosa del mondo, anche raffigurata nell’ Arazzo di Bayeux che ha raccontato la battaglia di Hastings del 1066. Diventa visibile ad occhio nudo ogni 76 anni quando si avvicina al sole. Quando la Cometa di Halley Comet passò vicino alla Terra nel 1986, cinque navicelle spaziali la superarono e raccolsero dettagli senza precedenti, avvicinandosi a sufficienza per studiarne il nucleo, che normalmente è nascosto dal coma della cometa. La cometa grossolanamente è a forma di patata, lunga circa 15 km, contiene lo stesso tipo di ghiaccio e polvere, con circa l’ 80 per cento del ghiaccio di acqua e circa il 15 per cento costituito da monossido di carbonio congelato.

[the_ad id=”2295″]

I ricercatori ritengono che altre comete siano chimicamente simili alla Cometa di Halley. Il nucleo della Cometa di Halley era inaspettatamente estremamente scuro nero – la sua superficie, e forse quella della maggior parte delle altre, è apparentemente ricoperta da una crosta nera di polvere su gran parte del ghiaccio, e rilascia gas solo quando fori in questa crosta espongono il ghiaccio al sole.
La cometa Shoemaker-Levy 9 si scontrò in modo spettacolare con Giove nel 1994, con la gigantesca forza gravitazionale del pianeta che strappava la cometa. La grande collisione ha creato una palla di fuoco che è salita di circa 1.800 miglia (3.000 km) sopra le cime delle nuvole di Giove così come una macchia gigante di 7.460 miglia (12.000 km) attraverso – circa le dimensioni della Terra – e si stimava che sia esplosa con la forza di 6.000 gigatoni di TNT.

Una recente cometa altamente visibile è stata Hale-Bopp, che nel 1997 è arrivata a 122 milioni di miglia (197 milioni di km) di Terra. Il suo nucleo insolitamente grande ha prodotto una grande quantità di polvere e gas – stimato a circa 30-40 km di distanza – è apparso luminoso per il suo nucleo

Check Also

lista terremoti giappone

Lista dei più grandi terremoti del Giappone

Il Giappone ha un potenziale così grande per terremoti e disastri perché la nazione siede …

tokyo la città più soggetta a catastrofi naturali

Tokyo: la città più soggetta a catastrofi naturali nel mondo

Tokyo, Giappone I 29 milioni di abitanti di Tokyo sono esposti al rischio di un …