Fake News: l’effetto illusorio della verità, perchè crediamo alle notizie false?

le notizie false spopolano ormai sul web, qual è il loro meccanismo psicologico?

Il lavoro recente e storico in psicologia mostra che la semplice esposizione a notizie finte fa sì che si diffondano. Per capire perché – e la misura in cui storie false penetrano nei nostri cervelli – dobbiamo capire la psicologia dell’ effetto illusorio della verità.

Quanto più sentiamo ripetere un’ informazione, tanto più probabilmente la crediamo. Anche le cose che la gente ha ragione di non credere, le credono di più “se le rivendicazioni sono ripetute“, dice Gord Pennycook, psicologo che studia la diffusione della disinformazione alla Yale University.E recenti ricerche dimostrano che l’ effetto illusorio della verità è in gioco quando sentiamo o leggiamo ripetute notizie false, a prescindere da quanto ridicolo o illogico suonino.

L’ effetto illusorio della verità è stato studiato per decenni – le prime citazioni risalgono agli anni Settanta. Tipicamente, gli sperimentatori in questi studi chiedono ai partecipanti di valutare una serie di affermazioni banali come vere o false. Ore, settimane o addirittura mesi dopo, gli sperimentatori riportano i partecipanti a un quiz.In questa seconda visita, alcune dichiarazioni sono nuove e altre ripetute. Ed è qui che l’ effetto si mostra: i partecipanti sono attendibilmente più propensi a valutare le dichiarazioni che hanno visto prima come vere – indipendentemente dal fatto che siano.

Quando si sente qualcosa per la seconda o terza volta, il cervello diventa più veloce a rispondere. E il tuo cervello non contribuisce in modo corretto a tale fluidità come segnale di verità “, dice Lisa Fazio, psicologa che studia l’ apprendimento e la memoria alla Vanderbilt University. Quanto più si sente qualcosa, tanto più “avrete questa sensazione a livello cerebrale che forse è vero”.

Il più delle volte, questo processo euristico mentale – una scorciatoia di pensiero – ci aiuta. Non abbiamo bisogno di concentrarci ogni volta che sentiamo “la Terra è rotonda” per decidere se è vero o meno. La maggior parte delle cose che sentiamo ripetere più e più volte sono, infatti, vere. Ma anche le falsità possono dirottare questo tic mentale.Una delle ragioni è che alla gente piace leggere notizie che sono d’ accordo o confermano ciò che già pensano.

Gli scienziati chiamano questa tendenza di conferma dei pregiudizi. I siti dei social media riempiono il tuo feed con quello che pensano ti piaccia – non necessariamente le storie più importanti.L’ idea di notizie false è diventata recentemente più complicata, perché ultimamente la gente ha cominciato a usare questo termine per significare cose diverse. Alcune persone lo stanno usando per descrivere storie con le quali non sono d’ accordo. Ma solo perché non sei d’ accordo con una storia non la rende falsa.Anche quando le persone tentano di presentare informazioni credibili, possono non avere le basi per farlo bene. Alcuni potrebbero non controllare bene i fatti.

Una fonte internet che dovrebbe sempre essere analizzata,  è Wikipedia. È così facile da usare. Non vi è tuttavia alcuna garanzia che le informazioni fornite siano corrette. E parte di questo è dovuto al fatto che chiunque e tutti possono contribuire al sito. Non c’ è bisogno di essere un esperto per rivendicare fatti o interpretazioni, spiega.Si è scoperto un 24enne che aveva scritto o curato 16.000 voci di Wikipedia! Le materie erano molto diverse – al di là di ciò che ci si poteva aspettare da qualsiasi esperto normale. Inoltre, quest’ uomo aveva mentito sul suo background e sulla sua esperienza. Di fronte a queste informazioni il fondatore di Wikipedia non sembrava preoccupato.

E’ così importante essere alfabetizzato alle notizie. Se stai per condividere una storia sui social media, è ancora più importante usare le competenze che i giornalisti usano. Condividere storie che non sono credibili è come inquinare l’ aria, dice Peter Adams. Lavora per il News Literacy Project a Chicago, Ill. Dice che condividere storie che non sono affidabili è anche irresponsabile, come la guida ubriaca.

Più incontriamo notizie false, più è probabile che  crediamo siano vere.
Pennycook e il suo collega David Rand a Yale stanno aggiornando questi test per comprendere meglio la diffusione della disinformazione nel mondo reale, ricreando questi esperimenti classici con notizie finte strappate dai titoli della campagna presidenziale del 2016.

In un recente studio, ai partecipanti sono stati mostrati sei titoli di notizie reali e sei finti titoli di cronaca – e si è chiesto loro quanto fossero precisi. I titoli sono stati fatti per assomigliare ai post di Facebook.

Dopo aver valutato i titoli, i partecipanti sono stati distratti da un altro compito (non pertinente all’ esperimento) per un po’ di tempo. Dopo, ai partecipanti è stata data una lista di 24 titoli da valutare, che includeva tutte le notizie false che avevano visto prima.

Pennycook è stato in grado di replicare il classico ritrovamento: quando i partecipanti erano stati esposti a un falso titolo di notizie in precedenza, erano più propensi ad accettarlo come verità in seguito.

Quando i partecipanti erano a conoscenza di un falso titolo di notizie, erano più propensi a considerarlo vero.
Abbiamo trovato essenzialmente lo stesso effetto, cosa sorprendente perché le storie che stiamo usando sono davvero poco plausibili. L’ effetto non è stato limitato ai repubblicani o democratici nel grande campione dello studio. E un test di follow-up ha rivelato che l’ effetto persisteva una settimana dopo.

Una delle notizie finte usate nello studio è stata “Trump vieterà tutti gli Show TV che promuovono l’ attività gay a partire da quando sarà presidente”.

Se un gruppo di partecipanti non l’ aveva ancora visto prima, circa il 5% diceva che era corretto. Se il gruppo di partecipanti l’ aveva già visto prima in una fase precedente dell’ esperimento, circa il 10% diceva che era corretto. Questo è il doppio di persone che concordano su un titolo stravagante.

E mentre il cambiamento è piccolo, pensate a questo: Facebook e Google raggiungono quasi ogni persona nel mondo. Un aumento del 5 per cento nel numero di persone che dicono che un titolo falso è vero rappresenta milioni di persone.

Nel 2012, il Journal of Psychology in Europa ha scoperto che “l’ esposizione a notizie false aumentava la plausibilità e la veridicità percepita di tali storie“. Lo studio ha fatto leggere ai partecipanti notizie di cronaca elaborate (ma non del tutto stravaganti) – come una su un disegno di legge californiano per limitare il numero di carte di credito che una persona indebitata potrebbe possedere. Cinque settimane dopo, erano più propensi a considerare queste false storie come vere rispetto a un gruppo di partecipanti che non avevano mai visto prima quelle storie.

La verità frustrante sull’ effetto illusorio della verità è che ci accade senza pensare. Anche le persone che sono altamente competenti in materia di argomenti possono cadere in preda ad esso.

In un altro studio, i partecipanti che sapevano fatti come “i kilt sono le gonne che gli uomini scozzesi indossano” è stato messo in dubbio se leggono,”Saris sono le gonne che gli uomini scozzesi indossano”. E divennero ancora più incerti se leggevano:”Saris sono le gonne che gli uomini scozzesi indossano”, per la seconda volta. (I Partecipanti hanno valutato la veridicità delle dichiarazioni su una scala da 1 a 6.)

Non è che le persone cambiano completamente la loro comprensione delle abitudini della moda scozzese leggendo una frase. Ma il dubbio comincia a insinuarsi. Sono passati da’ decisamente falsi’ a’ probabilmente falsi’,”dice.

Ogni volta che una menzogna si ripete, sembra un po’ più plausibile per alcune persone.

I nostri ricordi sono molto inclini a confondere informazioni reali e false
Tendiamo a ricordare gli eventi come i notiziari.

Quando vedi una notizia che ripete la disinformazione e poi cerca di correggerla, potresti avere persone che ricordano la disinformazione perché è davvero sorprendente e interessante, e non ricordano la correzione “dice Roediger, psicologo della Washington University di Saint Louis.

 

Pennycook ha persino messo un avvertimento sui falsi titoli delle notizie quando i partecipanti le leggono per la prima volta. “Contestato da analisi esterne “, legge la nota (che è la formulazione esatta di Facebook per come si etichettano le storie dubbie).

L’avviso sulla notizia NON HA FATTO DIFFERENZA!

Abbiamo detto fondamentalmente:”Questo è qualcosa in cui non dovreste credere“, dice. Ma i partecipanti in seguito hanno ancora giudicato questi titoli più accurati di quelli che non avevano mai visto prima.

Pennycook e Rand hanno fatto seguito con un altro articolo che esaminava se gli avvertimenti di Facebook potessero avere qualche effetto sul fatto che i lettori percepissero un articolo come accurato. Rand spiega che gli avvertimenti hanno leggermente diminuito le valutazioni di accuratezza – ma non in misura tale da superare l’ effetto illusorio della verità. La dimensione di tale diminuzione è 2minore dell’ aumento che si ottiene da averlo appena visto “, dice. Quindi, ciò che significa vedere un articolo con un tag contestato su di esso significa vedere un articolo ancora un po’ più incline a credere che sia vero che non averlo visto affatto “.

L’ esperimento è stato piuttosto semplice: i partecipanti hanno visto una serie di notizie reali e false senza avvertimenti o con l’ aggiunta di avvertimenti. A loro è stato semplicemente chiesto di dichiarare quanto fossero precisi i titoli dei giornali. (Una avvertenza qui: questo studio non è stato eseguito su Facebook in sé, ma su un sondaggio web progettato per assomigliare a Facebook. Ma come dice Pennycook, Facebook non ha ancora pubblicato dati sull’ efficacia dei suoi avvertimenti.)

 

Facebook e Google devono rafforzare il loro ruolo di editori di notizie
La posta in gioco qui è estremamente alta, con la democrazia stessa sotto attacco. C’ è sempre più evidenza che il governo russo ha usato Facebook per indirizzare gli americani con disinformazione e messaggi per seminare disordini durante le elezioni del 2016. Facebook lo ha reso facile.

Queste aziende sono i più potenti guardiani dell’ informazione che il mondo abbia mai conosciuto, eppure si rifiutano di assumersi la responsabilità del loro ruolo attivo nel danneggiare la qualità dell’ informazione che raggiunge il pubblico “.

Facebook, Google, Twitter e altri social media sono i giornali di oggi. Devono prendere maggiormente sul serio la diffusione della disinformazione sulle loro piattaforme. Hanno bisogno di intensificare il loro ruolo di editori di notizie quasi onnipresenti.

 

Come riconoscere le notizie false?

Essere un detective. Iniziate ponendo alcune domande fondamentali: questa storia mi fa arrabbiare? Spero che questa storia sia vera?  La storia, o la home page della pubblicazione, sta cercando di vendere qualcosa? (Se così, questa storia può davvero essere stata creata per soldi)

La storia usa tutte le lettere maiuscole o molti punti esclamativi? Le fonti della storia sono identificate per nome? La storia include il nome dell’ autore? Riesci a trovare le notizie altrove?

Controllare il logo del sito web: è il vero logo de il fatto quotidiano o de La Stampa?, o uno che assomiglia molto? Inoltre, guarda l’ URL nella parte superiore di un sito web, le parole sono uguali con variazioni o errori grammaticali?

Le persone dovrebbero pensare a dove hanno trovato ogni storia che leggono. Se qualcuno ha condiviso una storia con voi sui social media, sapete dove è stata pubblicata per la prima volta? Si tratta di una notizia radiofonica? Un sito gossip? Un giornale online?Sapere da dove è arrivata la storia ti aiuterà a capire qual è il suo obiettivo. Questo può cambiare anche all’ interno di una pubblicazione, come un giornale. Stai leggendo una notizia sulla prima pagina di un giornale? È una colonna nella pagina editoriale? La pagina editoriale di un giornale è dove gli scrittori condividono opinioni, quindi una storia qui sta cercando di convincervi.

Analizzare le immagini. Una foto è spesso la prima cosa che ti porta a una storia – quindi non dimenticare di fare domande critiche sulle immagini, dice Baker. La foto è legata alla storia delle notizie a cui è collegata? Perché c’ è? Che cosa ha cercato di comunicare il fotografo? Da quale angolo è stata scattata la foto?Se si sospetta che una foto possa essere stata manipolata o non mostrare ciò che afferma la didascalia, eseguire una ricerca inversa dell’ immagine. Questo vi mostrerà dove l’ immagine è apparsa prima. (Per effettuare una ricerca inversa dell’ immagine, fare clic sull’ icona della fotocamera in Google Images e inserire l’ URL della foto.)

Puoi pensare a quella condivisione veloce e sconsiderata su Facebook come il fast food: facile e malsano. L’ opposto del fast food è lo “slow food”, che incoraggia l’ agricoltura e le tecniche di cottura tradizionali. Queste pratiche richiedono più tempo, ma sono migliori per le persone e per l’ ambiente.Spikes confronta il processo di narrazione dei fatti dalla finzione su Internet al movimento slow food. Egli chiama essere un consumatore di notizie responsabile parte del “lento movimento di informazione”. Significa prendere tempo per tornare indietro prima di saltare a una conclusione. E i risultati dovrebbero renderci tutti un po’ più sani.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…