I batteri possono non avere un sistema nervoso centrale o sensoriale come lo conosciamo, ma possono ancora fisicamente “sentire” il mondo che li circonda, secondo un nuovo studio.

Si scopre che i microorganismi piccolissimi non solo rispondono ai segnali chimici, ma i batteri hanno il senso del tatto, sono in grado di riconoscere le superfici e rispondere ad esse. Wow.

Il nostro senso del tatto è uno strumento molto importante per vivere nel mondo. Aiuta ad evitare pericoli e superfici pericolose e vi impedisce di schiacciare oggetti delicati.

Per i batteri, aiuta a determinare con quale tipo di superficie sono in contatto – come una mucosa o una parete intestinale – e quindi colonizzare e attaccare le cellule ospiti.

E’ quello che succede nei primi secondi dopo essere entrati in contatto con una superficie cruciale per il successo dell’ infezione, dicono i ricercatori.

Per esplorare il meccanismo con cui i batteri percepiscono le superfici, hanno studiato una specie innocua chiamata Caulobacter crescentus.

“Abbiamo poca conoscenza di come i batteri leggono gli stimoli meccanici e come cambiano il loro comportamento in risposta a questi stimoli”, dice il ricercatore senior Urs Jenal dell’ Università di Basilea Biozentrum.

Usando il Caulobacter non patogeno come modello, il nostro gruppo è stato in grado di dimostrare per la prima volta che i batteri hanno un “senso del tatto”. Questo meccanismo aiuta a riconoscere le superfici e a indurre la produzione dell’ adesivo istantaneo della cella”.

  TOM CRUISE : INFORMAZIONI E CURIOSITÀ

Alcuni batteri hanno un’ appendice chiamata flagello – strutture a forma di frusta che li spinge intorno. Alcuni hanno un solo flagello, altri ne hanno molti.  C. crescentus ha un unico flagello che deposita dopo un periodo prestabilito, o dopo aver trovato una superficie adatta a cui aderire.

Ruotando questo flagello, i batteri possono attraversare liquidi. Ma questi microrganismi non hanno i muscoli – il movimento è reso possibile dall’ energia generata dal trasferimento dei protoni lungo la membrana cellulare.

Ed è questo meccanismo che permette ai batteri di “sentire”, hanno trovato i ricercatori. Quando le cellule entrano in contatto con le superfici, il motore che aziona il flagello viene interrotto. Questo a sua volta interrompe il flusso del protone.

In pochi secondi di ciò, i batteri reagiscono, producendo l’ adhesina che lo ancorerà al suo posto.

Questa conoscenza potrebbe aiutarci a capire anche i batteri pericolosi, dice Jenal.

[the_ad id=”2295″]

“Anche se Caulobacter è un batterio ambientale innocuo, i nostri risultati sono molto importanti per la comprensione delle malattie infettive“, spiega. “Ciò che abbiamo scoperto in Caulobacter vale anche per importanti agenti patogeni umani”.