I tre livelli della coscienza applicata alle macchine : C0 C1 C2

Mentre Turing sognava macchine di calcolo universali che avrebbero giocato a scacchi meglio dei campioni del mondo, la sua mente sarebbe stata probabilmente colpita dal livello di intelligenza artificiale che abbiamo oggi sotto forma di AlphaGo e DeepMind.

Fantastici come questi sistemi computazionali, i loro straordinari talenti si sovrappongono solo a malapena alle nostre capacità cognitive – possono risolvere problemi a velocità ridicole, ma non sanno ancora di poter risolvere i problemi, gli scienziati hanno classificato 3 categorie di coscienza.

Hanno chiamato la categoria C0 la coscienza di livello base : risolvere i problemi senza averne la consapevolezza.

La consapevolezza C0 è come il pilota automatico che ci fa compiere gesti senza rendercene conto, tipo guidare la macchina e non vedere la luce della riserva del carburante.

La categoria successiva, C1.”Si riferisce alla relazione tra un sistema cognitivo e uno specifico oggetto del pensiero, come la rappresentazione mentale della “luce riserva carburante”, scrivono i ricercatori.

In C1, quell’ oggetto di pensiero è selezionato per l’ elaborazione globale, spostandolo da un rapporto stretto a uno che può essere manipolato in vari contesti.

Quella luce lampeggiante può essere modellata sotto C1 non solo come un singolo problema, ma un concetto che può essere valutato, dato priorità e risolto – o meno – in modo correlato al tempo.

L’ ultima categoria di C2 è come un supervisore che guarda verso il basso, consapevole dei compiti che si devono svolgere. Copre quello che chiamiamo’ meta-cognizione’ – un senso di sapere quello che conosciamo.

C1 può avvenire senza C2, e viceversa. Ma secondo i ricercatori, nessuno dei due sistemi ha un equivalente nell’ intelligenza della macchina. Non ancora almeno.

I ricercatori ipotizzano che C1 si sia evoluto come un modo per rompere la modularità dei processi di incoscienza.

I recenti progressi nei microchip che possono memorizzare ed elaborare informazioni come le cellule cerebrali umane potrebbero potenzialmente svolgere un ruolo così importante nel rivoluzionare la tecnologia modulare esistente.

Per dirla in parole povere, avremmo bisogno di saperne di più su come i nostri cervelli creano il loro spazio di lavoro globale – un’ architettura che dà origine a quella che noi pensiamo come la nostra consapevolezza.

Per sviluppare la tecnologia C2, i ricercatori suggeriscono vari processi, come alcuni che applicano la probabilità al processo decisionale, e altri che detengono una sorta di meta-memoria per stabilire una linea di demarcazione tra ciò che è noto e ciò che non lo è.

[the_ad id=”2295″]

Sebbene il report non fornisca una chiara impronta di blue-print per l’ AI di nuova generazione, esso sostiene che è completamente possibile costruire macchine simili a quelle di coscienza basate sul nostro hardware mentale.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…