Il cervello delle persone più intelligenti ha differenti connessioni cerebrali

Nelle persone intelligenti, alcune regioni cerebrali sono maggiormente coinvolte nel flusso di informazioni , mentre altre sono meno coinvolte.
Il cervello delle persone più intelligenti è’ cablato’ in modo diverso dal cervello delle persone con meno intelligenza.
Le differenze nelle capacità cognitive – e le differenze che ne derivano, ad esempio nel successo accademico e nelle carriere professionali – sono attribuite in misura considerevole alle differenze individuali nell’ intelligenza. Uno studio appena pubblicato mostra che queste differenze vanno di pari passo con le differenze nei modelli di integrazione tra i moduli funzionali del cervello.

Kirsten Hilger, Christian Fiebach e Ulrike Basten del Dipartimento di Psicologia dell’ Università Goethe di Francoforte hanno combinato la risonanza magnetica funzionale del cervello da oltre 300 persone con i moderni metodi di analisi teorica per indagare le basi neurobiologiche dell’ intelligenza umana.

Già nel 2015, lo stesso gruppo di ricerca ha pubblicato un meta-studio nella rivista Intelligence, in cui hanno identificato le regioni cerebrali – tra cui la corteccia prefrontale – i cambiamenti di attivazione dei quali sono associati in modo affidabile con le differenze individuali di intelligenza. Fino a poco tempo fa, tuttavia, non è stato possibile esaminare come tali “regioni dell’ intelligence” nel cervello umano siano funzionalmente interconnesse.

All’ inizio di quest’ anno, il team di ricerca ha riferito che in persone più intelligenti due regioni cerebrali coinvolte nel trattamento cognitivo di informazioni rilevanti per il compito (cioè, l’ insula anteriore e la corteccia cingolata anteriore) sono collegati in modo più efficiente al resto del cervello (2017, Intelligence). Un’ altra regione cerebrale, l’ area di giunzione tra corteccia temporale e parietale che è stata collegata alla schermatura dei pensieri contro le informazioni irrilevanti, è meno strettamente collegato al resto della rete cerebrale. “Il diverso radicamento topologico di queste regioni nella rete cerebrale potrebbe rendere più facile per le persone più intelligenti differenziare tra informazioni importanti e irrilevanti, il che sarebbe vantaggioso per molte sfide cognitive”, propone Ulrike Basten, il ricercatore principale dello studio.

Nel loro studio attuale, i ricercatori tengono conto del fatto che il cervello è organizzato funzionalmente in moduli. “Questo è simile a un social network che consiste di più sottoreti (ad esempio, famiglie o circoli di amici). All’ interno di queste sottoreti o moduli, i membri di una famiglia sono più strettamente interconnessi di quanto non lo siano con persone provenienti da altre famiglie o circoli di amici. Il nostro cervello è organizzato funzionalmente in un modo molto simile: Ci sono sotto-reti di regioni cerebrali – moduli – che sono più fortemente interconnessi tra di loro, mentre hanno connessioni più deboli per le regioni cerebrali da altri moduli. Nel nostro studio, abbiamo esaminato se il ruolo di specifiche regioni cerebrali per la comunicazione all’ interno e tra i moduli cerebrali varia in funzione delle differenze individuali di intelligence, cioè se una specifica regione cerebrale supporta lo scambio di informazioni all’ interno della propria’ famiglia’ più che lo scambio di informazioni con altre’ famiglie’, e come questo si riferisce alle differenze individuali di intelligence.

Lo studio mostra che nelle persone più intelligenti alcune regioni cerebrali sono chiaramente più fortemente coinvolte nello scambio di informazioni tra le diverse sottoreti del cervello per comunicare informazioni importanti in modo rapido ed efficiente. D’ altra parte, il gruppo di ricerca ha anche identificato le regioni cerebrali che sono più fortemente “disaccoppiate” dal resto della rete in persone più intelligenti. Ciò può comportare una migliore protezione contro informazioni distraenti e irrilevanti. “Supponiamo che le proprietà della rete che abbiamo trovato in persone più intelligenti ci aiutino a focalizzarci mentalmente e a ignorare o sopprimere gli input irrilevanti e potenzialmente distrattivi”, dice Basten. Attualmente le cause di queste associazioni rimangono aperte. “È possibile che, a causa delle loro predisposizioni biologiche, alcuni individui sviluppino reti cerebrali che favoriscono comportamenti intelligenti o compiti cognitivi più impegnativi.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi