Home / Curiosità / Inquinamento dei sacchetti di plastica nel mondo
plastica
plastica

Inquinamento dei sacchetti di plastica nel mondo

La crociata per vietare i sacchetti di plastica è diventata negli ultimi anni una componente importante del movimento ambientalista tradizionale, e le ragioni di ciò non sono misteriose. Non solo è ben documentato che i sacchetti di plastica possono richiedere anni per decomporsi nelle discariche, ma sappiamo anche che possono ostruire le discariche, soffocare la vita marina e sono un incubo per i sistemi fognari. L’ impatto negativo dei sacchetti di plastica è così estremo che molti paesi in tutto il mondo hanno preso provvedimenti per imporre tariffe o vietare l’ uso dei sacchetti di plastica – una tendenza iniziata con il Bangladesh nel 2002 e proseguita da ultimo con il Kenya nel 2017.

I Sacchetti di plastica sono utilizzati da persone in tutto il pianeta. Sono generalmente realizzati in film plastici – di solito polietilene – che vengono poi termosaldati insieme. L’ etilene stesso proviene da kenya petroleum e gas naturale. La borsa di plastica come la conosciamo oggi è apparsa per la prima volta sulla scena dello shopping negli anni’ 60, come un’ idea di un designer svedese di nome Sten Gustaf Thulin. Negli anni’ 80, l’ uso del sacchetto di plastica era onnipresente nella società dei consumi.
Fino agli anni 2000, i sacchetti di plastica non erano quasi mai realizzati con materiali biodegradabili, il che significava che la loro decomposizione poteva richiedere secoli. Sebbene i materiali biodegradabili siano oggi la norma, ciò non significa che gli effetti dei sacchetti di plastica siano benigni (né significa che non si sentano più gli effetti delle precedenti generazioni di utilizzo dei sacchetti). Oggi, anche se i sacchi vengono riciclati, le loro proprietà  fanno sì che siano suscettibili di essere trasportati dal vento, che li può trasportare in torrenti ed eventualmente negli oceani del mondo. In questo momento si stima che ci siano 5,25 miliardi di pezzi di plastica che inquinano l’ oceano, e la forma preferita di questa plastica sono i sacchetti.

I problemi che i sacchetti di plastica pongono all’ ambiente non sono complicati, ma talvolta l’ attuazione della legislazione contro i sacchetti è complicata. In molti paesi del mondo, l’ uso delle borse è spesso tassato : scoraggia i consumatori dal fare affidamento su di loro per il trasporto delle merci, incoraggiando al tempo stesso i consumatori a compiere scelte più rispettose dell’ ambiente. Alcuni paesi si spingono oltre vietando completamente la produzione e l’ uso delle borse. Le implicazioni di queste multe variano, anche se forse il più emblematico di questi divieti è il caso del Kenya, dove utilizzando un sacchetto di plastica si corre il rischio di una multa elevata. Il divieto keniota segue una tendenza osservata in molti paesi africani che si sono prodigati per vietare completamente i sacchetti di plastica. Dopo tutto, in molti luoghi del continente, i sacchetti di plastica rappresentano un problema importante in quanto ostruiscono i sistemi fognari e uccidono bestiame come le vacche che erroneamente sbagliano mangiando la plastica e soffocano.

I divieti e le tasse sui sacchetti di plastica hanno spesso successo, ma devono essere attuati correttamente. Ad esempio, in Irlanda, una semplice tassa sui sacchetti di plastica è riuscita a ridurne drasticamente l’ uso. Tuttavia, in Bangladesh, il primo paese al mondo a vietare i sacchetti di plastica, la legge purtroppo non sempre viene applicata rigorosamente. Questo è un problema in particolare per un paese che è soggetto a inondazioni di proporzioni estremamente catastrofiche.
Indipendentemente dall’ applicazione di un divieto, gli esperti avvertono che potrebbe essere necessario molto di più della sola legislazione per contribuire a ridurre la dipendenza mondiale dai sacchetti di plastica.  I sacchetti di plastica non sono attualmente vietati nel paese dell’ Oman, che si trova nella penisola arabica sud-orientale, ma l’ ESO spera che un divieto o tassa potrebbe presto diventare una realtà per il paese.

Check Also

Come mai i gatti rimangono bloccati sugli alberi e hanno difficoltà a scendere

Perchè i gatti rimangono bloccati sugli alberi?

I gatti sono gli animali più diffusi nelle case degli italiani, i loro soffici manti …

immagini preistoria uomo e cani

Le prime immagini al mondo di cani e l’uomo risalgono a 10mila anni fa

In Arabia Saudita nord-occidentale, un cacciatore circondato da un branco di cani infila una freccia, …