Origine della festa di San Valentino una festa per una decapitazione

Il 14 febbraio gli innamorati di tutte le età si scambieranno lettere, fiori, caramelle, e altri sontuosi regali in nome di San Valentino. Ma secondo la storia del cristianesimo, posso dirvi che la radice della nostra vacanza moderna è una bella finzione.

San Valentino non era un amante o patrono dell’amore.

San Valentino, infatti, nasce come festa liturgica per celebrare la decapitazione di un martire cristiano del III secolo, o forse due. Allora, come siamo passati dalla decapitazione al fidanzamento nel giorno di San Valentino?

Le prime origini di San Valentino


Fonti antiche rivelano che c’erano diversi San Valentino morti il 14 febbraio. Due di essi furono giustiziati durante il regno dell’imperatore romano Claudio Gotico nel 269-270 d.C., in un’epoca in cui la persecuzione dei cristiani era comune.

Come facciamo a saperlo? Perché un ordine di monaci belgi trascorse tre secoli a raccogliere prove per la vita dei santi dagli archivi manoscritti di tutto il mondo conosciuto.

Si chiamavano bollandisti in onore di Jean Bolland, uno studioso gesuita che iniziò a pubblicare i massicci volumi di 68 cartelle di “Acta Sanctorum”, o “Vite dei santi”, a partire dal 1643.

Da allora, generazioni successive di monaci continuarono il lavoro fino alla pubblicazione dell’ultimo volume nel 1940. I Fratelli scavarono ogni traccia di informazioni su ogni santo nel calendario liturgico e stamparono i testi disposti secondo il giorno della festa del santo.

I martiri di San Valentino


Il volume del 14 febbraio contiene le storie di una manciata di “Valentini”, tra cui i primi tre dei quali morirono nel terzo secolo.

San Valentino benedice un epilettico


Si dice che il primo Valentino sia morto in Africa, insieme a 24 soldati. Purtroppo, anche i bollandesi non sono riusciti a trovare ulteriori informazioni su di lui. Come i monaci sapevano, a volte tutto ciò che i santi si sono lasciati alle spalle era un nome e un giorno di morte.

Sappiamo solo un po’ di più sugli altri due San Valentino.

Secondo una leggenda tardo-medievale ristampata nell'”Acta”, che era accompagnata dalla critica bollandista sul suo valore storico, un sacerdote romano di nome Valentino fu arrestato durante il regno dell’imperatore Gotico e messo in custodia di un aristocratico di nome Asterius.

Secondo la storia, Asterius commette l’errore di lasciare parlare il predicatore. Padre Valentino continuava a parlare di Cristo che conduceva i pagani dall’ombra delle tenebre alla luce della verità e della salvezza. Asterius fece un patto con Valentino: se il cristiano fosse riuscito a curare la figlia adottiva della cecità di Asterius, si sarebbe convertito. Valentino mise le mani sugli occhi della ragazza e cantò:

“Signore Gesù Cristo, illumina la tua serva, perché sei Dio, la vera luce”.

Il bambino inizò a vedere, secondo la leggenda medievale. Asterius e tutta la sua famiglia furono battezzati. Purtroppo, quando l’imperatore Gotico sentì la notizia, ordinò che fossero tutti giustiziati. Ma Valentino fu l’unico ad essere decapitato. Una pia vedova, però, se ne andò con il suo corpo e lo fece seppellire nel luogo del suo martirio sulla Via Flaminia, l’antica strada che da Roma si estendeva fino all’attuale Rimini. In seguito fu costruita una cappella sulle spoglie del santo.

San Valentino non era un romantico


Il terzo Valentino del III secolo fu vescovo di Terni in provincia dell’Umbria, Italia.


Secondo la sua leggenda, altrettanto schivo, il vescovo di Terni si trovò in una situazione come l’altro Valentino, discutendo di un potenziale convertito e, successivamente, curando il figlio. Anche il resto della storia è abbastanza simile: Anche lui fu decapitato per ordine dell’imperatore Gotico e il suo corpo fu sepolto lungo la via Flaminia.

E’ probabile, come suggerito dai bollandesi, che non ci fossero in realtà due San Valentino decapitati, ma che due diverse versioni della leggenda di un santo siano apparse sia a Roma che a Terni.

Tuttavia, africani, romani o umbri, nessuno dei valentini sembra essere stato un romantico.

Infatti, le leggende medievali, ripetute nei media moderni, avevano fatto eseguire a San Valentino riti matrimoniali cristiani o appunti di passaggio tra amanti cristiani imprigionati da Gothicus. Altre storie ancora lo coinvolgevano romanticamente con la ragazza cieca che avrebbe guarito. Eppure nessuna di queste storie medievali ha avuto alcuna base nella storia del terzo secolo, come hanno sottolineato i bollandisti.


In ogni caso, la veridicità storica non contava molto per i cristiani medievali. A loro interessavano le storie di miracoli e martiri, i resti fisici o le reliquie del santo. Sicuramente, molte chiese e monasteri in giro per l’Europa medievale sostenevano di avere pezzi di cranio di San Valentino nei loro tesori.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…