Home / Curiosità / Paleotemperature dei mari confermano il riscaldamento globale degli oceani
riscaldamento globale degli oceani
riscaldamento globale degli oceani

Paleotemperature dei mari confermano il riscaldamento globale degli oceani

I nostri mari del passato erano molto più freddi di quanto calcolato in precedenza, e l’ attuale tendenza al riscaldamento del nostro pianeta è ancora più straordinaria di quanto pensassimo.

Un gruppo di scienziati provenienti da alcuni dei principali istituti di ricerca europei ha esaminato criticamente un processo chimico che è servito per determinare le temperature degli oceani milioni di anni fa.

Anche i modelli scientifici più solidi si basano su presupposti abbastanza fondati.

In questo caso, il metodo di calcolo della temperatura si basava sul pensiero che le temperature fossero perfettamente conservate all’ interno di minuscoli organismi marini chiamati foraminifera.

In particolare, l’ esatto rapporto tra ossigeno-18 e ossigeno-16 nella calcite degli esoscheletri degli organismi varia in funzione delle concentrazioni isotopiche nell’ ambiente – fattore determinato da fattori quali l’ acidità e la salinità – e della temperatura dell’ acqua.

Quindi, se determiniamo le differenze negli isotopi dell’ ossigeno nei fossili, abbiamo un dato delle temperature come lo erano quando vivevano poco più di 100 milioni di anni fa.

Questo ci dice che la temperatura delle parti più profonde dell’ oceano ai tropici era di circa 15 gradi Celsius più caldo di oggi.

Eppure, le cose potrebbero non essere così semplici.

“Quello che sembrava essere un fossile perfettamente conservato non lo è”, dice Sylvain Bernard, mineralogista del Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica.

Le prove ora suggeriscono che il rapporto di ossigeno-18 a ossigeno-16 nella vita marina sepolta potrebbe non essere abbastanza stabile.

Per testare come la chimica della calcite nella conchiglia della foraminifera possa continuare a cambiare nel tempo, i ricercatori hanno collocato un campione degli organismi in acqua marina artificiale che conteneva solo isotopi di ossigeno-18.

Poi hanno manovrato la temperatura per simulare il calore generato dall’ essere sepolti sotto una pila di sedimenti e hanno usato un dispositivo chiamato spettrometro di massa ionica secondaria su scala nanometrica (o NanoSIMS) per analizzare i cambiamenti nei rapporti di ossigeno della calcite.

Certo, l’ equilibrio si è spostato, cambiando i rapporti.

“Ciò significa che le stime della paleotemperatura effettuate finora non sono corrette“, dice Bernard.

Implica che le acque probabilmente non erano molto più calde di oggi. La scoperta aiuta anche a risolvere un paradosso che ha accennato ad una incoerenza nei modelli.

Utilizzando il metodo dell’ isotopo dell’ ossigeno, le temperature oceaniche nei tropici durante il caldo periodo cretaceo non erano poi così diverse dalle temperature superficiali dei poli.

L’ analisi degli isotopi di magnesio nei fossili di foraminifera invece dell’ ossigeno suggerisce che le temperature superficiali del mare a latitudini più elevate erano anche più fredde di quanto stimato.

[the_ad id=”2295”]

Per tutti i cambiamenti che il nostro pianeta ha vissuto negli ultimi 100 milioni di anni, i nostri oceani sono rimasti abbastanza stabili per quanto riguarda la temperatura. In quest’ ottica, la rapida tendenza al riscaldamento globale di oggi è ancora più drammatica di quanto non si pensasse.

Leggi l’articolo sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla temperatura.

“Per rivisitare le temperature paleotemperate dell’ oceano occorre quantificare attentamente questo riequilibrio, troppo a lungo trascurato”, afferma il geochimico Anders Meibom del Politecnico federale di Losanna.

“Per questo dobbiamo lavorare su altri tipi di organismi marini, in modo da capire chiaramente cosa è avvenuto nel sedimento nel tempo geologico”.

Check Also

lista terremoti giappone

Lista dei più grandi terremoti del Giappone

Il Giappone ha un potenziale così grande per terremoti e disastri perché la nazione siede …

tokyo la città più soggetta a catastrofi naturali

Tokyo: la città più soggetta a catastrofi naturali nel mondo

Tokyo, Giappone I 29 milioni di abitanti di Tokyo sono esposti al rischio di un …