Home / Curiosità / Pensieve : intelligenza artificiale per migliorare lo streaming dei video
intelligenza artificiale streaming video
intelligenza artificiale streaming video

Pensieve : intelligenza artificiale per migliorare lo streaming dei video

Recenti ricerche che suggeriscono che quasi il 70% dei contenuti web è lo streaming di video e audio. Fortunatamente, i ricercatori del MIT stanno aprendo nuovi orizzonti con algoritmi di streaming alimentati da AI che potrebbero eliminare i problemi del buffer e portarci audaci nel futuro dello streaming video.Lo streaming video è esploso negli ultimi cinque anni. I giganti dello streaming come Netflix, Amazon, Google e Hulu stanno riversando risorse nei loro contenuti streaming originali e concessi in licenza nel tentativo di conquistare il pubblico dalle reti televisive tradizionali.

Con una parte potenzialmente massiccia dell’ industria dell’ intrattenimento sul tavolo, questi servizi stanno investendo nella soluzione di quello che i ricercatori stanno chiamando “il problema video”. lo streaming è pesantemente condizionato dalla larghezza di banda di Internet, e il pubblico ha sempre meno tolleranza per i fastidiosi problemi di pixelation, buffering, video in stallo, e lunghi tempi di caricamento. Se un video si arresta, il pubblico è più probabile che esca dalla pagina.

Il video è uno degli usi più intensivi di dati di Internet, e caricare video per ogni utente di Internet sarebbe ampiamente superiore alla larghezza di banda disponibile se ogni video dovesse caricarsi in pieno. Diversi anni fa, i servizi di streaming adottavano una tecnologia algoritmica intelligente chiamata Adaptive Bitrate (ABR). Gli algoritmi ABR caricano i video in modo selettivo in base alle condizioni di rete; è per questo che la barra di caricamento sul video di YouTube non si sposta mai troppo avanti rispetto al punto in cui si sta attualmente visualizzando.

Ci sono due tipi primari di algoritmi ABR :gli algoritmi basati sulla velocità di connessione misurano la velocità di connessione e modificano di conseguenza la qualità del caricamento video. Gli algoritmi ABR basati sul buffer mantengono una certa percentuale di video caricati in anticipo.

Insieme, questi algoritmi ABR hanno tenuto il passo con il traffico video in streaming, ma con una domanda che supera ora 1 miliardo di ore di streaming al giorno solo su YouTube, la prossima generazione di algoritmi di streaming è attesa da tempo.

Servizi di streaming con Intelligenza artificiale

I ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del MIT stanno rispondendo alla richiesta globale di una migliore qualità di streaming con un nuovo algoritmo che sfrutta l’ intelligenza artificiale per migliorare i tassi di carico e ridurre il buffering. La tecnologia, chiamata Pensieve, potrebbe rivoluzionare il mercato dell’ intrattenimento in streaming.

Le condizioni di rete di ciascuno sono leggermente diverse e in costante evoluzione. La vostra velocità internet è influenzata dall’ attività di tutti i membri del vostro provider, creando un ambiente caotico per algoritmi predittivi come ABR. Pensieve funziona in modo più intelligente piuttosto che più difficile, utilizzando l’ apprendimento della macchina per reagire in tempo reale alle condizioni mutevoli.

Pensieve lavora sulla base di un sistema di “ricompense” e “penalità”: registrando una ricompensa quando i video vengono caricati senza problemi e una penalità quando lo streaming interrompe, Pensieve può imitare una rete neurale e imparare a caricare meglio i tuoi video. Il sistema migliora lo streaming video dal 10% al 30%, e gli spettatori hanno valutato i suoi risultati dal 10% al 25% in più nella qualità complessiva rispetto agli attuali algoritmi .

Pensieve ha attraversato ogni scenario nel test reale, mantenendo la stessa risoluzione video dei migliori algoritmi di streaming tradizionali. “Questo tipo di stress test dimostra che può generalizzare bene per nuovi scenari nel mondo reale “, ha detto Hongzi Mao, autore di un documento correlato e membro del team del MIT. Pensieve è anche un primo sforzo; man mano che gli algoritmi di deep-learning progrediscono, i miglioramenti aumenteranno solo nel tempo.

All’ inizio del 2017, Netflix ha implementato il proprio algoritmo alimentato dall’ AI. Il nuovo sistema, chiamato Dynamic Optimizer, analizza il video fotogramma per fotogramma in tempo reale e comprime selettivamente ogni scena per una qualità dell’ immagine più elevata su connessioni lente.

[the_ad id=”2295″]

Il nuovo algoritmo è abbastanza intelligente per differenziare i tipi di contenuti video. Sequenze piene d’ azione dagli ultimi movimenti di supereroi ottengono un aumento di bitrate, mentre il contenuto animato più semplice ha un bitrate inferiore. Il risultato è un flusso costante per tutti gli utenti, in particolare quelli che hanno connessioni lente.

Check Also

tokyo la città più soggetta a catastrofi naturali

Tokyo: la città più soggetta a catastrofi naturali nel mondo

Tokyo, Giappone I 29 milioni di abitanti di Tokyo sono esposti al rischio di un …

Leggende narrate nella Bibbia spiegate dalla Scienza

Leggende narrate nella Bibbia spiegate dalla Scienza

Umanità è nata dall’argilla Nel libro della Genesi, si dice che l’ umanità è stata …