Quando e chi ha inventato il Barbecue

Contrariamente alla mitologia, il barbecue non era un’invenzione americana. Il barbecue è più vecchio dell’homo sapiens e gli antropologi pensano addirittura che sia stata la padronanza del fuoco a modificare in modo permanente il nostro percorso evolutivo ed è questo legame primordiale che ci fa ancora amare la cottura alla fiamma.

Circa un milione di anni fa l’Homo erectus, l’ominide appena prima dell’uomo di Neanderthal, assaggiò per la prima volta la carne cotta.

Com’è nata la scoperta della carne cotta?

Una tribù di questi protoumani si imbottiva cautamente tra le calde ceneri di un incendio boschivo seguendo i loro nasi ad un profumo particolarmente seducente. Quando inciampavano sulla carcassa carbonizzata di un cinghiale, si accovacciavano e infilavano le mani nel suo fianco. Annusarono le loro fragranti dita, poi leccarono le dita unte. La magica miscela magica di proteine calde, grasso fuso e collagene untuoso nella carne arrosto è un elisir narcotico e li ha stregati al primo morso. Si sono messi a mangiare, ossessionati dal tirare e raschiando le ossa pulite, gemendo e scuotendo la testa. Gli aromi sensuali facevano sorridere le narici e i sapori pieni facevano piangere la bocca.

Cucinare rende più facile estrarre energia dal cibo. Ciò significava che c’erano più calorie disponibili per i cervelli più grandi, il che naturalmente era un vantaggio evolutivo. Ci è voluto molto meno tempo per mangiare, lasciando tempo per cacciare, socializzare e formare tribù e comunità, e procreare.

L’evoluzione ha favorito i tratti che hanno aumentato la capacità di questi ominidi precoci di cacciare e mangiare carne cotta: più piccoli con piedi piatti per la velocità nella corsa, migliore articolazione della mano, capacità di comunicazione e mascelle più piccole. Alla fine hanno imparato a addomesticare i cani per aiutarli con la caccia. Il circolo familiare e la struttura tribale si sono evoluti in modo che gli uomini diventavano cacciatori e le donne diventavano cuochi. Ergo, i primi maestri di grill erano probabilmente donne.


Nel 2007 gli scienziati israeliani dell’Università di Haifa hanno scoperto prove che i primi esseri umani che vivono nell’area intorno al Carmelo, circa 200.000 anni fa, erano seri esperti sul barbecue. Dalle ossa e dagli strumenti di lavoro, questi primi cacciatori preferivano animali grandi e maturi e tagli di carne che avevano un sacco di carne sopra di loro. Hanno lasciato teste e zoccoli nel campo. Tre dei loro favoriti erano antenati di bovini, cervi e cinghiali. Dalle bruciature intorno alle giunture e dai segni di raschiatura sulle ossa, ci sono prove che questi abitanti delle caverne sapevano cucinare.

I primi attrezzi da cucina per barbecue non saranno probabilmente mai trovati perché probabilmente erano fatti di legno.

Hanno imparato rapidamente che il cibo aveva un sapore migliore se il cibo era tenuto sopra o a lato del fuoco. Secondo lo storico del barbecue Dr. Howard L. Taylor, i primi strumenti di cottura erano quasi certamente “una forchetta di legno o uno spiedo per tenere la carne sopra il fuoco.

Alla fine costruirono delle rastrelliere di bastoni verdi per tenere il cibo sopra le fiamme, e impararono che la temperatura era più facile da regolare e il sapore migliore se lasciavono bruciare i tronchi fino a carbonella prima che la carne fosse messa a posto.


L’arrostimento allo spiedo è comune in tutto il mondo e per molti anni è stato il principale metodo di cottura al barbecue. Cuocere un animale, verdure o pane in una fossa calda nel terreno è stato un altro dei primi sviluppi. I telai di legno furono poi usati per tenere la carne sopra il fuoco, ma spesso tenevano la carne ben al di sopra del fuoco per evitare che la legna bruciasse, con il risultato che la carne cuoceva lentamente e assorbiva il fumo. La griglia [simile a una griglia su una moderna griglia] è stata sviluppata subito dopo l’età del ferro, che ha portato alla griglia come la conosciamo noi. Iliade, Libro IX, Linee 205-235 e L’Odissea, Libro III, linee 460-468 citano gli spiedi e le forchette a cinque punte usate per arrostire la carne, imbastita con sale e vino nelle feste all’aperto dell’antica Grecia. Tali feste alla fine di una battaglia o di una lunga marcia erano comuni in tutta la storia”.

I cibi affumicati

I cibi affumicati non solo aumentavano il sapore, ma si conservavano più a lungo. Ora sappiamo che questo è perché ci sono composti antimicrobici nel fumo, perché il fumo ha scacciato le mosche, e perché il fumo lento con cibi disidratati e batteri hanno bisogno di umidità per crescere. Nei giorni precedenti la refrigerazione, l’affumicatura, l’asciugatura e la salatura della carne erano strategie intelligenti per conservare gli alimenti deperibili. Questo ha permesso alle tribù di caccia di uccidere e, a differenza di altri animali, non hanno dovuto ingozzarsi prima che la preda marcisse. Se erano migratori, potevano fumare, asciugare, salare e portare con sé sulla strada.

Barbecue e la Bibbia


L’Antico Testamento ebraico contiene quelli che possono essere i primi piani dettagliati per la progettazione di un barbecue. Nell’Esodo, capitolo 27, probabilmente scritto da qualche parte tra i 1300 e 1500 anni prima della nascita di Cristo, dopo che Mosè abbatte i 10 Comandamenti, dice al suo gregge che Dio vuole che costruiscano un tabernacolo con un’arca per l’Alleanza e un altare per le offerte di animali bruciati.

altare per il sacrificio
Si trovava a circa 4 1/2 piedi di altezza circa 7 1/2 piedi di lunghezza, conteneva ganci di carne, padelle di fuoco, tegami di cenere, pale, bacini, una griglia, e crans per attaccare l’animale prima del sacrificio. Come le grandi piattaforme di oggi, era portatile. Non aveva ruote, ma pali su ogni lato per poter essere portato a mano.

Nel capitolo 29 ci sono istruzioni su come preparare il sacrificio di un giovane toro e due montoni e descrive il processo come “un dolce sapore, un’offerta fatta dal fuoco al Signore”. Apparentemente l’odore era tutto ciò che il Signore voleva perché ad Aronne, fratello di Mosè, al sacerdote responsabile e ai suoi collaboratori, era permesso di mangiare gran parte del sacrificio.

Levitico 1 inizia a suonare come un libro di cucina con le istruzioni per macellare e preparare offerte bruciate di un toro, tortore,, piccioni, pecore, capre, frutta, mais e pane, nonché le leggi per mangiare kosher. A loro fu ordinato di prendere un animale immacolato (a quanto pare il loro Signore apprezzava la carne di qualità), rimuovere i reni e il grasso su di loro, e il grasso dell’omento sopra il fegato (il grasso migliore dell’animale) e bruciarlo.

Cina, India e Giappone
Molti studiosi pensano che le tecniche per l’arrostimento lento e basso del fumo siano iniziate in Cina, dove alcune delle prime cucine avevano dispositivi speciali per fumare le carni. Una meravigliosa speculazione sulla scoperta delle delizie della carne di maiale arrostita al fuoco fu scritta dal saggista e umorista inglese Charles Lamb nel 1822. Racconta del contadino cinese Bo-bo che, molto tempo fa, ha bruciato accidentalmente la casetta del padre e i maiali al suo interno. Bo-bo non solo scopre il barbecue, ma poi si imbarca in una carriera di incendi dolosi, bruciando il quartiere una casetta alla volta per saziare la sua fame di maiale arrosto.

Nell’antica Cina, India e Giappone, il cibo è stato cucinato per migliaia di anni su carbone in urne di ceramica. In India si chiamano tandoors e in Giappone si chiamano kamados. Gli indiani cucinano il pane, naan, allo stesso modo.

Influenze del Vecchio Mondo
In Europa, gli artisti hanno dipinto immagini di barbecue da quando le setole di pelo di maiale sono state avvolte intorno a un bastone per fare una spazzola.

Arrosto di bue italiano
I primi cuochi impararono rapidamente che il sapore, la tenerezza e la succosità erano legati a come i cibi venivano cucinati e a quanto tempo. I musei sono pieni di gadget intelligenti costruiti per migliorare l’appetibilità. Cucinare in caminetti aperti su legna e con abbondante fumo era comune, e sono stati sviluppati ogni sorta di griglie di ferro intelligenti, riflettori e dispositivi rotanti.

Meccanismo a rosticceria a orologeria del XIII secolo
Il cuoco girava una maniglia che avvolgeva un cavo appesantito intorno ad un asse. Il peso scendeva lentamente e il meccanismo ruotava lentamente il cibo sopra le braci. Leonardo da Vinci ne inventò uno. Ha anche inventato uno con un ventilatore nella canna fumaria che girava con l’aria calda ascendente e che faceva girare lo spiedo.

L’Inghilterra è stata a lungo una nazione di mangiatori di carne bovina, e nel Medioevo si dedicavano alla cottura a fiamma alla tostatura in un forno.

La società gastronomica internazionale, la Chaîne des Rôtisseurs, si basa sulle tradizioni e le pratiche dei torrefattori professionali francesi. La loro storia scritta risale al 1248. Il re Luigi XII conferisce loro uno stemma ufficiale nel 1610. È costituito da due spiedi incrociati che girano e quattro aghi di accaparramento, circondati dalle fiamme del focolare su uno scudo circondato da un giglio di lis e da una catena che rappresenta il meccanismo di rotazione dello spiedo. L’odierna Società del Barbeque di Kansas City è in qualche modo cugina della Chaîne.

Da qualche parte qualcuno ha inventato l’affumicatoio. Immagino che sia stato un cuoco in anticipo che cercava di fuggire dalla pioggia, così ha appeso alcune pelli sopra il camino e si è rannicchiato sotto. Alla fine si è evoluto.Era una semplice struttura ad alberello, un tetto inclinato di bastoni coperti di pelli, con travi per appendere i filetti di salmone.

Le carni grigliate e affumicate, soprattutto di maiale e salsiccia, sono profondamente legate alle tradizioni culinarie tedesche e ceche, e questa influenza è particolarmente forte nella tradizione della Carolina e del Texas, dove si sono stabiliti i loro immigrati.

Nessuno dà all’Impero spagnolo il giusto credito per il suo ruolo nel gettare le fondamenta del moderno barbecue americano. La loro aggressiva esplorazione e sfruttamento dei Caraibi, dell’angolo sud-orientale del Nord America, del Messico, del Centro America, del Sud America e dei Philippeans ha portato nel Nuovo Mondo bestiame, maiali, pecore, capre e vie alimentari europee, compresa la tostatura allo spiedo. Alcuni gastrohistorians hanno osservato che più degli spagnoli, i maiali conquistarono il Nuovo Mondo perché divennero così popolari tra Amerindi e coloni. E mentre erano in essa i conquistatori portarono malattie e schiavitù alle loro conquiste, decimando enormi popolazioni.

Sulla via del ritorno a casa gli avventurieri portarono oro, pomodori, patate, mais, peperoncini, cioccolato e altro ancora.

La storia del barbecue in America

Nel 1492 Cristoforo Colombo fece il primo dei suoi quattro viaggi dalla Spagna al Nuovo Mondo sbarcando sull’isola che chiamò Hispaniola, oggi conosciuta come Repubblica Dominicana e Haiti, e poi andò a Cuba e alle Bahamas. Durante il suo primo viaggio ha coniato forse il bromuro più antico della letteratura culinaria. Nel suo diario scrisse di aver visto un “serpente” lungo circa un metro e mezzo che probabilmente era un’iguana. I suoi uomini lo uccisero, lo mangiarono e lui osservò che “la carne è bianca e sa di pollo”.

Negli 11 anni successivi è tornato altre tre volte e ha messo piede in numerose isole caraibiche, in America Centrale e persino nel Nord America del Sudamerica. I suoi racconti dello strano nuovo universo, la sua gente, gli animali, il cibo e le ricchezze, hanno lanciato una raffica di esplorazioni da parte di conquistatori spagnoli e di avventurieri francesi e inglesi.

Durante il suo secondo viaggio si ritiene che si sia fermato alle Isole Canarie al largo delle coste dell’Africa e che abbia raccolto da 20 a 30 capi di bestiame, per lo più femmine gravide discendenti da ceppi portoghesi e spagnoli portati lì qualche decennio prima. Nel giro di tre settimane pascolavano contenti sul verde lussureggiante di Hispanola e nel giro di pochi anni i conquistadores li portarono in Messico dove i vaqueros, predecessori messicani dei cowboys, li condussero a nord del Texas.

Le persone che incontrarono nei Caraibi furono purtroppo chiamate indiani, dato che Colombo era alla ricerca di una rotta per l’India. Erano membri della tribù degli Arawak, una sotto tribù chiamata Taino, e più a nord alle Bahamas, i Lucayans. Li chiamerò Amerindians per evitare confusione.

Naturalmente non sapremo mai esattamente che cosa fosse la parola Taino, dato che non avevano un sistema di scrittura. Immagino che ai Conquistadors suonasse solo come barbacoa, dato che la gente di solito pronuncia male le parole in lingua straniera.

Durante le esplorazioni europee del 1500 le tribù Arawak non erano originarie di zone che ora si trovano negli Stati Uniti, ma alcune tribù Arawak si trasferirono nel sud della Florida durante la metà del tardo 1600. “Florida” che era il nome spagnolo di tutte le terre che si estendevano a nord attraverso la moderna Virginia e persino a New York e ad ovest attraverso la Louisiana. Gli inglesi non arrivarono a Jamestown, VA, fino al 1607, e i francesi non si stabilirono a New Orleans fino al 1690. Attualmente la Florida era popolata da molte tribù diverse, tra cui i Timucua, Apalachee, Calusa, Tocobaga, Ais, Mayaca e Hororo, e la maggior parte di loro aveva adattato il barbacoa e i resoconti di altri esploratori lo mostrano in uso da altre tribù a nord e ad ovest.

Il barbacoa, tuttavia, era il nome di una rastrelliera di legno, non solo un dispositivo di cottura, perché altri primi esploratori descrivevano dispositivi simili che venivano utilizzati per conservare il cibo sopra la terra umida e fuori dalla portata degli animali, così come un letto per dormire sopra i serpenti e gli insetti. Oviedo descrisse “un loft fatto di canne, che costruiscono per conservare il loro mais, che chiamano barbacoa”. Secondo il Dizionario Storico di Cuba Seconda Edizione di Jaime Suchlicki, gli indiani Ciboney di Cuba chiamavano persino le loro primitive dimore barbacoa. Il vescovo di Cuba, Gabriel Diaz Vara Calderon, nel 1675, dopo un viaggio di 10 mesi attraverso la Florida, scrisse: “Dormono per terra, e nelle loro case solo su una cornice di canneti, che chiamano barbacoa, con una pelle d’orso adagiata su di essa e senza copertura, il fuoco che costruiscono al centro della casa servendo al posto di una coperta”.

Un esploratore francese descrive qui una barbacoa da cucina: “Un cariobee è stato conosciuto, al ritorno dalla pesca, stanco e pressato dalla fame, per avere la pazienza di aspettare l’arrostimento di un pesce su una griglia di legno fissata a due piedi da terra su un fuoco così piccolo da richiedere a volte l’intera giornata per vestirlo”. E’ una cottura bassa e lenta, gente.


Il primo a descrivere l’uso della barbacoa per cucinare fu Hans Stade, un tedesco al servizio del Portogallo catturato dalle tribù in Brasile nel 1547. Fuggì e tornò in Europa nel 1555. Il suo libro del 1557 “True History” includeva xilografie che egli supervisionava mostrando un barbacoa. Qui è come ha descritto l’apparecchio, che ha chiamato “Quando vogliono cucinare qualsiasi cibo, carne o pesce, che è quello di durare qualche tempo, hanno messo quattro campate in alto sopra il camino, su travi, e fare un fuoco moderato sotto, lasciando in modo tale da arrostire e fumare, fino a quando non diventa abbastanza asciutto. Quando poi ne mangiavano, la fanno bollire di nuovo e la mangiano, e tale carne la chiamano Mockaein”. I suoi conti includono l’uso del dispositivo per cucinare la carne umana. Tra l’altro, ci sono resoconti credibili di cannibalismo anche in Europa.

Il primo barbecue registrato nel sud-est degli Stati Uniti potrebbe essere caratterizzato da carne umana. Nell’aprile 1528, Panfilo de Narváez partì con 400 uomini e 80 cavalli da Cuba per esplorare la Florida e cercare l’oro. Sono arrivati nella zona di Tampa Bay e hanno stupidamente perso il contatto con le loro navi. Sono stati rapidamente attaccati dai nemici e hanno cercato di ritirarsi costruendo barche e navigando per Panuco sulla costa orientale del Messico nella Nuova Spagna. Alcuni sono arrivati in Texas e nel corso di circa 2 anni il loro numero è sceso a 4, tra cui Cabeza de Vaca. Navarez perì in mare. Nella primavera del 1536, il partito arrivò all’insediamento spagnolo di San Miguel de Culiacán sul basso fiume San Lorenzo.

hernando de soto
Mentre erano perduti, il governatore spagnolo di Cuba ha inviato un gruppo di ricerca che si è trovato anch’esso in difficoltà. Un membro del partito, Juan Ortiz, fu catturato dalla tribù degli Ozita. Decisero di sacrificarlo con la tortura e lo legarono ad un dispositivo simile ad una barbacoa. La figlia del capo ebbe pietà dell’uomo che si arrostiva lentamente e convinse suo padre a liberarlo. Ortiz non è stato capovolto, quindi è stato segnato in modo permanente sulla schiena. Ortiz visse per anni con la tribù fino a quando fu salvato da un gruppo guidato da un collega spagnolo, l’esploratore e conquistatore Hernando de Soto . Ortiz si unì a de Soto come interprete.

Dopo aver aiutato a conquistare gli Inca in America Centrale, de Soto era salpato da Cuba a Tampa Bay nel 1539. Ha portato circa 650 uomini, molti cavalli, cani e maiali spagnoli, che non erano nativi del continente. Ha poi iniziato ad esplorare e saccheggiare quello che ora è il sud-est degli Stati Uniti.

Secondo il libro di Charles Hudson del 1998 Cavalieri di Spagna, Guerrieri del Sole: Hernando De Soto e gli antichi capi di stato del Sud, il 25 marzo 1540 un gruppo di circa 40 spagnoli guidati da de Soto invase un villaggio nell’attuale Georgia e trovò del fumo di cervo e tacchino che arrostiscono su un dispositivo simile ad una barbacoa. Anche se la parola non era stata ancora portata a nord dagli indiani, DeSoto la chiamò barbacoa perché probabilmente aveva sentito la parola in Spagna. Affamati da un viaggio di 35 ore, nonostante fosse il Giovedì Santo, si festeggiava con il primo barbacoa della storia registrata.

Il 17 maggio 1540, secondo Hudson, hanno goduto di un altro pasto cucinato su una barbacoa vicino a Salisbury, NC: Mais e cani di piccola taglia.

Gli spagnoli adottarono il metodo di cottura e lo perfezionarono.

Alla fine il metodo di cottura ha trovato la sua strada a nord verso le colonie inglesi in Virginia e le Caroline dove hanno bagnato la carne con un condimento preferito da casa, l’aceto. L’aceto rimane l’ingrediente principale della maggior parte delle salse della Carolina del Nord Est e della Carolina del Sud fino ad oggi. I coloni tedeschi erano appassionati di senape sulla loro carne di maiale così la classica salsa barbecue a base di senape della Carolina del Sud si è evoluta.

Il primo grande barbecue in Texas, secondo Taylor, “si tenne probabilmente il 30 aprile 1598, vicino a San Elizario sul Rio Grande, a circa 30 miglia a sud-est di El Paso, TX. Il leader della successiva celebrazione era Juan de Onate”. I nativi erano presenti, ed era una festa tradizionale, religiosa, all’aperto che comprendeva selvaggina allo spiedo arrostita e uccelli e verdure autoctone, oltre alla solita carne di maiale salata, biscotti duri e vino rosso della Spagna.

Secondo l’etimologo Michael Quinion, William Dampier, nel suo New Voyage Round the World del 1699, utilizzò per la prima volta la parola in inglese per descrivere una piattaforma di legno sollevata che proteggeva gli indiani dai serpenti: “E giaceva lì tutta la notte, sui nostri Borbecu, o cornici di bastoni, sollevate a circa un metro da terra”. Si può presumere che non ci fosse fuoco sotto. Secondo Quinion, il Dizionario di Biografia Nazionale descrive Dampier come “bucaniere, pirata, circumnavigatore, capitano di marina e idrografo”. Ironico che il primo ad usare la parola in inglese dovrebbe essere descritto come un bucaniere, poiché tale occupazione deriva dal francese boucan, “che a sua volta deriva da mukem, parola usata da un gruppo di indiani brasiliani, i Tupi, per una struttura di legno su cui veniva essiccata la carne”.

Chi ha scoperto il fumo come metodo di cottura?


Probabilmente non sapremo mai chi ha scoperto che cucinare a basse temperature per molto tempo ha avuto un impatto meraviglioso sui tagli duri di carne caricata con tessuto connettivo e grasso, ma la prima documentazione scritta che posso trovare è di un Benjamin Thompson nel 1802. Thompson nacque nel Commonwealth del Massachusetts nel 1753, era un maestro di scuola a 19 anni e lealista britannico durante la Rivoluzione. Dopo la guerra si trasferì in Inghilterra dove fu cavaliere conte di Rumford.

Ha scritto più di un milione di parole nei suoi libri “Saggi, politici, economici e filosofici”. Nel terzo volume, pubblicato nel 1802, dedica più di 300 pagine alla progettazione di caminetti, cucine, utensili da cucina e metodi di cottura.

“Dopo aver partecipato all’esperimento per tre ore, e trovandolo non mostrava segni di essere stato fatto, ho concluso che il calore non era sufficientemente intenso; e, disperato del successo, sono tornato a casa, piuttosto per umorismo di fronte al mio mal riuscito successo, e ho abbandonato la mia spalla di montone alle fornelli.

“Quando sono venuti la mattina per portarlo via, con l’intenzione di cucinarlo per la loro cena, sono rimasti molto sorpresi di trovarlo già cotto, e non solo mangiabile, ma perfettamente fatto, e più singolarmente ben assaggiato.

“Quando ho assaggiato la carne sono rimasto molto sorpreso di trovarla molto diversa, sia nel gusto che nel sapore, da quella che avevo mai assaggiato. Era perfettamente tenera; ma nonostante fosse così tanto preparata, non mi è sembrata minimamente soda o insipida; al contrario, era insolitamente saporita e di alto sapore. “Non era né bollito, né arrostito, né cotto. Il suo sapore sembrava indicare il modo in cui era stato preparato: che il dolce calore a cui era stato esposto per così tanto tempo, aveva gradualmente allentato la coesione delle sue fibre, e preparato i suoi succhi, senza allontanare le parti fini e più volatili, e senza lavare o bruciare e rendere irrancidi ed empirumati i suoi oli”.

L’evoluzione della barbecoa in barbecue


Prima che gli uomini bianchi arrivassero nel nuovo mondo, i nativi americani avevano iniziato a sviluppare stili di cucina e metodi simili a quelli europei. Subito dopo l’arrivo degli esploratori i nativi cominciarono ad adattare le tecniche apprese dagli invasori.

cucina antica
In epoca coloniale, molto prima del gas e dell’elettricità, quasi tutto il cibo veniva cucinato a legna. Il camino e il focolare fungeva anche da centro di cottura, con rosticcerie e forni laterali riscaldati dal fuoco.

cucina coloniale
Un dispositivo chiamato martinetto per bottiglie o per arrostire che aveva un meccanismo a molla che ruotava la carne, una vaschetta per raccogliere i succhi e una porta posteriore per l’imbastitura.

presa per bottiglia
George Washington aveva un grande affumicatoio nella sua piantagione a Mt. Vernon, VA . Il 27 maggio 1769, l’aristocratico, non ancora nostro presidente e nemmeno un generale, scrisse nel suo diario (2:154): “Andò ad Alessandria [VA] ad un barbecue e rimase tutta la notte”. Così la tradizione di festeggiare tutta la notte con carne cotta all’aperto può essere fatta risalire almeno fino a questo punto. Washington ha persino ospitato “una barbicue di mia in dono ad Accatinck” nel settembre 1773. Nel 1793, dopo la cerimonia per la posa della pietra angolare del Campidoglio degli Stati Uniti, fu arrostito un bue di 500 libbre.

L’affumicatoio di George Washington
Purtroppo i menu esatti e il metodo di cottura sono sconosciuti, ma all’epoca erano popolari il maiale e il bue, e il whisky sarebbe stato servito. Washington ha anche costruito una distilleria sul Monte Vernon nel 1797.


Nella sua villa sul Monte Vernon, la cucina di George Washington aveva un semplice girarrosto azionato da una puleggia davanti al grande focolare. Alla parete erano appesi diversi altri sputi di varia lunghezza.

Il sapore di affumicare lentamente la carne arrostita con salsa saporita crebbe di popolarità, specialmente nel sud degli Stati Uniti. Molte piantagioni avevano affumicatoi, soprattutto per conservare la carne, specialmente i prosciutti.

La prima salsa barbecue

La prima salsa barbecue commerciale può essere stata fatta dalla Georgia Barbecue Sauce Company di Atlanta, GA. Ho trovato un annuncio per esso nella Costituzione di Atlanta nel 1909. In 1948, H.J. Heinz ha introdotto la prima salsa barbecue distribuita a livello nazionale. Da allora c’è stato un gazillion portato sul mercato. Clicca qui per saperne di più sulla storia delle salse barbecue e dei loro stili regionali. Ogni barbecue di quartiere ha la sua salsa in bottiglia e gli scaffali dei negozi di alimentari ne sono pieni.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…