Maria Sharapova è un’ex tennista professionista che è diventata la prima donna russa a vincere Wimbledon e ha conquistato la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra 2012.

Chi è Maria Sharapova?

Nata in Russia, Maria Sharapova si è trasferita negli Stati Uniti in tenera età e ha iniziato ad allenarsi alla Nick Bollettieri Tennis Academy. Dopo essere diventata professionista da adolescente, si è fatta notare vincendo nel 2004 il titolo di single femminile di Wimbledon. La Sharapova è diventata la decima donna a guadagnarsi una carriera da Grande Slam con la sua vittoria agli Open di Francia nel 2012, e ha conquistato la sua seconda corona francese e il quinto titolo assoluto del Grande Slam nel 2014. Sospesa per 15 mesi dopo essere risultata positiva al test per una sostanza proibita, la Sharapova è tornata in campo nell’aprile 2017 e ha vinto il suo titolo finale WTA più tardi nello stesso anno. Ha annunciato il suo ritiro nel febbraio 2020.

Maria Sharapova Altezza e Peso

Quanto è alta e quanto pesa la tennista russa Maria Sharapova?

E’ alta 183cm e pesa 60 kg.

Maria Sharapova Vita e carriera

Maria Sharapova è nata il 19 aprile 1987 a Nyagan, Siberia, Russia. Dopo aver imparato a giocare a tennis da bambina, si è trasferita con il padre in Florida, ottenendo una borsa di studio per allenarsi alla Nick Bollettieri Tennis Academy all’età di nove anni.

Divenne professionista il giorno del suo 14° compleanno, ma continuò a competere tra i suoi coetanei, finendo seconda classificata ai tornei junior di Wimbledon e agli Open di Francia nel 2002.

Carriera e campionati di tennis

La Sharapova ha ottenuto la sua prima vittoria WTA all’AIG Japan Open del 2003 e ha anche raggiunto il quarto turno a Wimbledon al suo primo tentativo nello stesso anno. Il successo arrivò l’anno successivo quando vinse il titolo di single a Wimbledon, diventando la prima campionessa femminile russa di Wimbledon. Alla fine del 2004, ha aggiunto un titolo del Campionato WTA alla sua lista di successi.

La Sharapova è diventata la prima donna russa a salire al top della classifica sportiva nel 2005, e l’anno successivo ha conquistato il suo secondo titolo del Grande Slam con una vittoria agli U.S. Open.

La star del tennis è stata rallentata da problemi alle spalle per gran parte del 2007 e del 2008, anche se è riuscita a vincere il suo terzo Grande Slam con una vittoria dominante agli Australian Open del 2008. Alla fine si è sottoposta a un intervento alla spalla in ottobre, e il conseguente licenziamento l’ha costretta ad uscire dalla Top 100 fino al suo ritorno al singolare nel maggio 2009.

La Sharapova ha faticato a ritrovare la sua forma contro le prime giocatrici, ma alla fine del 2009 è tornata nella Top 20 e ha finito il 2011 al quarto posto nella classifica mondiale. Nel giugno 2012, la Sharapova ha chiuso la sua rimonta sconfiggendo Sara Errani nella finale degli Open di Francia. La vittoria l’ha resa solo la decima donna a completare un Grand Slam in carriera (vince in tutti e quattro i principali tornei) e le ha permesso di riconquistare la classifica n. 1 al mondo.

Ai Giochi Olimpici estivi 2012 – debutto olimpico della Sharapova – ha vinto la medaglia d’argento nel singolo femminile, perdendo l’oro contro la star del tennis americano Serena Williams. La russa ha continuato a giocare bene nelle major successive, finendo seconda classificata agli Open di Francia 2013. Tuttavia, i problemi alla spalla hanno di nuovo preso il sopravvento, e non molto tempo dopo una deludente sconfitta al secondo turno a Wimbledon, si è ritirata dall’azione per il resto della stagione.

Riacquistando lo slancio nel 2014, la Sharapova ha vinto il suo secondo French Open di Francia e il quinto titolo assoluto del Grande Slam sconfiggendo Simona Halep. Nel 2015 è passata alla finale degli Australian Open e alle semifinali degli U.S. Open, prima di finire l’anno al quarto posto.

Controversie e sospensioni per droga

Nel marzo 2016, la Sharapova ha annunciato di non aver superato il test antidroga all’Australian Open di gennaio. In una conferenza stampa, la star del tennis ha dichiarato di essere risultata positiva al test per il Mildronate, con un principio attivo di meldonio, che aveva assunto per problemi di salute dal 2006. Il farmaco è stato aggiunto alla lista dei farmaci proibiti dalla World Anti-Doping Agency (WADA) il 1° gennaio 2016.

“È molto importante per voi capire che per 10 anni questo farmaco non è stato nella lista proibita dell’AMA e che io ho preso legalmente il farmaco negli ultimi 10 anni”, ha detto la Sharapova alla conferenza stampa. “Ma il 1° gennaio le regole erano cambiate e il meldonio è diventato una sostanza proibita, che non conoscevo”.

“Devo assumermene la piena responsabilità”, ha aggiunto. “È il mio corpo, e sono responsabile di quello che ci metto dentro”.

L’8 giugno 2016, un tribunale indipendente nominato dalla Federazione Internazionale del Tennis (ITF) ha sospeso la Sharapova per due anni a causa del fallimento del test antidroga.

La Sharapova ha risposto in un post su Facebook: “Anche se il tribunale ha concluso correttamente che non ho intenzionalmente violato le regole antidoping, non posso accettare una sospensione di due anni ingiustamente dura. Il tribunale, i cui membri sono stati selezionati dall’ITF, ha convenuto che non ho fatto nulla di intenzionalmente sbagliato, eppure cercano di impedirmi di giocare a tennis per due anni. Appellerò immediatamente la parte di sospensione di questa sentenza al CAS, il Tribunale Arbitrale per lo Sport”.

Nell’ottobre 2016, dopo che la Sharapova ha presentato ricorso in appello contro la sua sospensione di due anni, il Tribunale Arbitrale dello Sport ha annunciato che la sua punizione sarebbe stata ridotta a 15 mesi, consentendo il suo ritorno alle competizioni internazionali nell’aprile 2017. “Sono passata da uno dei giorni più duri della mia carriera a uno dei più felici”, ha dichiarato la tennista in una dichiarazione.

Al termine della sua sospensione, la Sharapova è tornata in azione al Porsche Tennis Grand Prix il 26 aprile 2017. Ha vinto il suo primo titolo WTA in due anni, in ottobre, al Tianjin Open di Tianjin, e ha lottato per rientrare nella Top 30 dello sport nel 2018, il suo quarto di finale agli Open di Francia è stato uno dei momenti salienti dell’anno.

Ma l’ex campionessa ha faticato a rimanere competitiva dopo essere arrivata al quarto turno degli Australian Open del 2019, la sua performance è stata ostacolata da fastidiosi problemi fisici. Il 26 febbraio 2020, un mese dopo la sua sconfitta al primo turno agli Australian Open, la Sharapova ha annunciato il suo ritiro in un saggio di Vanity Fair.

“Guardando indietro ora, mi rendo conto che il tennis è stata la mia montagna”, ha scritto. “Il mio percorso è stato pieno di valli e deviazioni, ma le viste dal suo culmine erano incredibili. Dopo 28 anni e cinque titoli del Grande Slam, però, sono pronta a scalare un’altra montagna – per competere su un altro tipo di terreno”.

Interessi commerciali e vita personale

La Sharapova ha ottenuto importanti sponsorizzazioni commerciali con Nike, Avon, Evian, TAG Heuer, Porsche e Tiffany & Co., tra le altre aziende. È stata l’atleta femminile più pagata al mondo per diversi anni, con Forbes che stimava i guadagni della sua carriera a 325 milioni di dollari al momento del suo ritiro.

Dopo l’annuncio del marzo 2016 che la Sharapova non aveva superato il test antidroga, gli sponsor, tra cui TAG Heuer e Porsche, hanno sospeso i loro rapporti con la star del tennis. Altri sponsor come Nike, Evian e il produttore di racchette Head hanno continuato a sostenere la Sharapova.

Tra le altre iniziative commerciali della Sharapova vi è il lancio nel 2012 della linea di caramelle Sugarpova con Jeff Rubin, il fondatore di IT’SUGAR. Una parte delle vendite viene donata alla Fondazione Maria Sharapova per sostenere le sue cause benefiche.

“Tutto è iniziato quando ero una bambina in Russia, e mio padre mi ricompensava con un lecca lecca o un cioccolatino dopo una lunga giornata di pratica”, ha scritto sul sito di Sugarpova. “Mi ha fatto capire allora – e ancora oggi – che non c’è motivo per cui il duro lavoro non possa essere ricompensato con un dolcetto. Perché la chiave per una vita felice e sana per me è questa idea della moderazione  – puoi avere la tua torta (o caramella) al 100% e godertela anche tu”.

Nella sua vita personale, la Sharapova ha iniziato una relazione con la cestista slovena Sasha Vujacic nel 2009, i due si sono fidanzati l’anno successivo. Tuttavia, durante una conferenza post-partita agli U.S. Open 2012, la Sharapova ha annunciato che il fidanzamento è stato annullato e che la sua relazione con Vujacic è finita. In seguito, è uscita con il tennista bulgaro Grigor Dimitrov dal 2013 al 2015. Dal 2018 è legata al co-fondatore di Paddle8, Alexander Gilkes.