Quanto è alto il Vesuvio l’unico vulcano attivo in Europa?

Il Vesuvio, sulla costa occidentale dell’Italia, è l’unico vulcano attivo dell’Europa continentale. È meglio conosciuto per l’eruzione del 79 d.C. che distrusse le città di Pompei ed Ercolano, ma il Vesuvio ha eruttato più di 50 volte.

Dopo ogni eruzione, la dimensione del cono cambia. Il vulcano ha anche una cresta semicircolare chiamata Monte Somma che si erge a 3.714 piedi (1.132 m). La valle tra il cono e il Monte Somma è chiamata Valle del Gigante.

Il Vesuvio è considerato uno dei vulcani più pericolosi al mondo per la sua vicinanza con la città di Napoli e le città circostanti sulle pendici vicine.

Quanto è alto il Vesuvio l'unico vulcano attivo in Europa?

Il Vesuvio nel 2013 era alto 4.203 piedi (1.281 metri).

Il vulcano è classificato come uno stratovulcano complesso perché le sue eruzioni comportano tipicamente eruzioni esplosive e flussi piroclastici. Una colata piroclastica è una miscela ad alta densità di blocchi di lava calda, pomice, cenere e gas vulcanico.

Il Vesuvio e altri vulcani italiani, come i Campi Flegrei e Stromboli, fanno parte dell’arco vulcanico campano. L’arco campano si trova su un confine tettonico dove la placca africana viene subdotta sotto la placca eurasiatica.

Sotto il Vesuvio, gli scienziati hanno rilevato uno strappo nella placca africana. Questa “finestra di lastra” permette al calore dello strato del mantello terrestre di sciogliere la roccia della placca africana, creando una pressione che provoca violente eruzioni esplosive. In passato, il Vesuvio ha avuto un ciclo eruttivo di circa 20 anni, ma l’ultima grave eruzione è stata nel 1944.

Pompei

Il Vesuvio distrusse la città di Pompei, una città a sud di Roma, nel 79 d.C. in circa 25 ore, secondo la Storia. Poiché la città è stata sepolta così rapidamente dalla cenere vulcanica, il sito è un’istantanea ben conservata della vita in una città romana. C’è anche un resoconto dettagliato del disastro registrato da Plinio il Giovane, che ha intervistato i sopravvissuti e registrato gli eventi in una lettera al suo amico Tacito.

Pompei è stata fondata nel 600 a.C. e si stava lentamente riprendendo da un grave terremoto che ha scosso la città nel febbraio del 62 d.C.. Il basso fondale, originatosi sotto il Vesuvio, aveva causato gravi danni alle sorgenti e alle tubazioni che fornivano l’acqua della città. La ricostruzione era in corso su diversi templi ed edifici pubblici. Seneca, uno storico, ha registrato che le scosse durarono diversi giorni, danneggiando pesantemente la città di Ercolano e facendo danni minori alla città di Napoli prima del cedimento. La scossa maggiore fu seguita da diverse scosse minori nel corso degli anni successivi.

Poiché l’attività sismica era così comune nella zona, i cittadini prestarono poca attenzione all’inizio di agosto del 79 quando diverse scosse colpirono la terra sotto Ercolano e Pompei. La gente era impreparata per l’esplosione che avvenne poco dopo mezzogiorno del 24 agosto. Circa 2.000 residenti sopravvissero al primo scoppio.

Plinio il Vecchio, un autore romano, ha descritto l’enorme nuvola di detriti. “Assomigliava a un pino (mediterraneo) più di qualsiasi altro albero. Come un albero molto alto, la nube si alzava e si espandeva in rami diversi …. a volte bianchi, a volte scuri e macchiati dalla sabbia e dalle ceneri”. A Pompei, la cenere ha bloccato il sole  e la gente ha cercato di rimuovere la cenere pesante dai tetti mentre cadeva ad una velocità di circa 15 centimetri all’ora.

Poco dopo la mezzanotte, un muro di fango vulcanico inghiottì la città di Ercolano, cancellando la città mentre i suoi cittadini fuggivano verso Pompei. Verso le 6:30 del mattino seguente, una nube incandescente di gas vulcanici e detriti rotolò lungo le pendici del Vesuvio e avvolse la città di Pompei. La maggior parte delle vittime morì istantaneamente mentre l’aria surriscaldata bruciava i polmoni e contraeva i muscoli, lasciando i corpi in posizione semicurva per essere rapidamente sepolti nella cenere e quindi conservati nei dettagli per centinaia di anni.

You might also like

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

Processing files…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi