Home Gossip Quanto è alto Sean Connery attore di James Bond?

Quanto è alto Sean Connery attore di James Bond?

1

Sean Connery è cresciuto in un mondo all’ombra della povertà nella turbolenza della guerra. Ma dalle retrostanti case popolari di Edimburgo la Scozia stava per emergere uno dei talenti più riconoscibili al mondo. Sean Connery è il veterano di quasi 70 film e di innumerevoli drammi teatrali e televisivi. La sua ricca e variegata carriera gli ha fatto guadagnare un posto di potere, pochi attori ci sono riusciti. Eppure, nel corso della sua vita professionale, Connery è sempre stato un modello, citato in giudizio, molestato e venerato, ma si è sempre trattato della verità della sua recitazione.  L’altezza di Sean Connery è di 1,88 m. Il valore netto di Sean Connery nel 2019 è stimato in 350 milioni di dollari.

Nome vero / Nome completo: Thomas Sean Connery
Età  Sean Connery (nel 2019): 89 anni
Data di nascita: 25 agosto 1930
Soprannome: Big Tam
Città natale: Fountainbridge, Edimburgo, Scozia
Nazionalità : Scozzese
Nome del Padre: Joseph Connery
Nome della madre: Eufemia McLean
Moglie: Diane Cilento (m. 1962; div. 1973); Micheline Roquebrune (m. 1975)
Segno zodiacale : Bilancia

Quanto è alto Sean Connery attore di James Bond?
Altezza: 188 cm o 6 piedi 2 pollici o 1,88 m
Peso: quasi 80 kg o 175 libbre
Colore dei capelli: Bianco
Colore degli occhi: Nero
Primo film / Film del debutto: No Road Back (1957)

Quanti soldi ha Sean Connery

Sean Connery ha un patrimonio di: 350 milioni di dollari

Biografia di Sean Connery

Nato a Edimburgo in Scozia nell’agosto del 1930, figlio di genitori poveri della classe operaia, Sean Connery è cresciuto all’apice della depressione. Sean Connery ha attualmente 89 anni. Era ancora un ragazzino quando le difficoltà finanziarie della famiglia lo costrinsero a trovare un lavoro. Aveva nove anni quando ha iniziato a lavorare. Consegnava latte e patate. Connery andò in Marina a 16 anni e trascorse tre anni prima di essere congedato per motivi di salute. Sviluppò delle ulcere.

Era piuttosto magro e iniziò a fare bodybuilding. Andò a Londra per il concorso Mr. Universo in rappresentanza della Scozia nella classe di Tolman. Dopo essersi piazzato secondo al concorso di Mr. Universe, a Connery fu offerto un posto in una squadra di calcio professionistica, ma scelse invece di dedicarsi alla recitazione. Ora, all’inizio dei suoi vent’anni, il suo primo vero lavoro come attore fu quello di membro del coro maschile nel Sud Pacifico.

Il ruolo di Connery nel Sud del Pacifico portò a sua volta al primo lavoro in teatro ed in televisione. Sean ha imparato negli anni a recitare. Infatti, prende sempre in giro la gente e dice “se Se Sean Connery può imparare a recitare, puoi farlo anche tu”.

Il patrimonio netto di Sean Connery comprende la remunerazione dei film, i proventi delle sponsorizzazioni dei marchi e gli investimenti personali.

La critica è stata unanime nel lodare Sean Connery. Così come lo è stato il ventesimo secolo che gli ha offerto un contratto a lungo termine. Connery realizzò diversi film alla fine degli anni Cinquanta, ma pochi fecero avanzare la sua carriera. Poi, nel 1958, Lana Turner lo scelse come coprotagonista nel film di alto profilo “Another Time, Another Place”.

Gli Studios Disney lo avevano inserito nella fantasiosa storia d’amore “Darby O’Gill and the Little People”.

Mentre inseguiva Hollywood, Connery lavorava anche in teatro. Ha fatto “Anna Karenina”. La performance di Connery in “Anna Karenina” lo avrebbe spinto in una delle più grandi opportunità della sua vita. I produttori dei celebri thriller di spionaggio del romanziere Ian Fleming gli hanno dato un provino per l’ambito ruolo di James Bond.

James Bond divenne un sex symbol internazionale, trasformando Sean Connery nella stella del cinema più famosa del mondo.

I film di Bond glorificavano la licenza di uccidere e non di rado un modo non di rado rude nei confronti delle donne. Questo attirò le critiche di Bond e dello stesso Connery. Ironia della sorte, è stata proprio la fama di Bond ad aiutare Connery a fare i primi passi lontano da quel personaggio, ma lo ha fatto alle sue condizioni. Quando Hitchcock gli offrì il ruolo principale in “Marnie” Connery insistette per la prima lettura della sceneggiatura, cosa inaudita. Questo gli diede l’opportunità di essere un personaggio completamente diverso da James Bond. Connery è riuscito a esplorare nuovi ruoli in diversi film molto diversi. Stava crescendo come attore e ampliando la gamma delle sue rappresentazioni.

“The Hill” diretto da Sidney Lumet, che avrebbe poi diretto Sean Connery in altri quattro film, ottenne per l’attore un serio elogio da parte della critica.

Connery non perse mai di vista le sue radici operaie. All’apice della celebrità di Bond, ha scelto di scrivere e dirigere un documentario sulle questioni sociali in Scozia, concentrandosi sulle condizioni di lavoro in un cantiere navale in difficoltà.

L’impegno di Connery nell’aiutare la sua nativa Scozia non si è fermato al documentario, ma è stata una passione che dura da una vita e la sua preoccupazione di migliorare la vita del popolo scozzese è molto personale. Nel 1971, Connery ha accettato di riprendere il ruolo di James Bond in Diamonds Are Forever per donare il suo intero compenso di 1,2 milioni di dollari per la sua nuova fondazione Scottish International Education Trust. Per oltre 20 anni il Trust ha sostenuto l’istruzione, le arti e i giovani atleti con donazioni per un totale di oltre 80.000 sterline all’anno.

Parte dell’accordo di Connery nel realizzare quello che pensava sarebbe stato il suo ultimo film di Bond “Diamonds Are Forever”, gli ha permesso di produrre le sue immagini. Il primo di questi “The Offence” era molto lontano dal mainstream di Hollywood. “The Offence” fu davvero un ruolo audace per Connery, che interpretava un detective della classe operaia convinto della colpevolezza di un presunto molestatore di bambini interpretato da Ian Bannen.

“Il reato” uscì nel 1973 e, nonostante le buone recensioni, al botteghino andò male. Lo studio che l’aveva pubblicato era più concentrato sulla promozione di Connery come Bond. I problemi professionali di Connery non potevano arrivare in un momento peggiore. Lo stesso anno in cui ha realizzato “The Offence”, il suo matrimonio con Diane Cilento si è concluso con il divorzio e suo padre è morto.

Ora si stava imbarcando in alcuni dei più grandi ruoli della sua carriera di attore. Di tutti i film di Connery degli anni Settanta, nessuno forse era così popolare come “L’uomo che sarebbe stato re”. John Huston ha diretto Connery e il suo caro amico Michael Caine in un racconto epico di due sergenti dell’esercito britannico che divennero spiriti liberi alla ricerca di antichi tesori.

Indietro con “The Man Who Who Would Be King” Connery ha interpretato uno dei più bizzarri protagonisti della sua carriera nei panni di Robin, di fronte a “Robin and Marian” di Audrey Hepburn. Nel 1978, quando Connery e il regista Michael Crichton realizzarono “The First Great Train Robbery”, Sean aveva già recitato in 33 film.

Negli anni Ottanta, la performance di Connery al botteghino era imprevedibile. Si è assunto dei rischi, alcuni hanno pagato, altri no. Incredibilmente nel 1982 Connery accettò di interpretare James Bond per l’ultima volta dopo 21 anni da Dr. No (1962), Never Say Never Say Never Again (1983).

Dal ritorno di Sean nel mondo del cinema negli anni Ottanta, la sua vita professionale è fiorita come mai  e nel 1988 Sean Connery è stato nominato per un Academy Award per Gli intoccabili (1987). Era un riconoscimento atteso da tempo per l’attore, che era essenzialmente autodidatta.

Nell’ultimo decennio, tra i tanti ruoli da protagonista di Sean, ha interpretato un monaco medievale in The Name of the Rose (1986), il padre dinamico di Indiana Jones nell’epico Indiana Jones di Spielberg e l’ultima crociata (1989) con Harrison Ford e un uomo di medicina dei giorni nostri (1992). In Rising Sun (1993) ha interpretato un detective zen con Wesley Snipes e in Just Cause (1995) con Laurence Fishburne, Scarlett Johansson; Sean Connery era un avvocato che voleva servire la giustizia. Nel blockbuster del 1996, The Rock (1996) con Nicolas Cage, Sean ha assunto il personaggio dell’unico uomo che sia mai fuggito da Alcatraz. Alec Baldwin ha recitato con Connery in The Hunt for Red October (1990), un film di grande successo.

L’uomo che una volta aveva consegnato il latte per le strade di Edimburgo, ora è tornato a casa per ricevere uno dei più grandi tributi che la Scozia conferisce a chiunque, la “Libertà della città”. Il ragazzo delle case popolari era diventato un uomo. Nonostante abbia girato quasi 70 film, mantiene il suo fascino e i piedi per terra.

Sean Connery è davvero all’apice della sua carriera più popolare, vigoroso e imprevedibile che mai. Si stima che nel 2019 il patrimonio netto di Sean Connery sia pari a 350 milioni di dollari.

La moglie di Sean Connery

All’apice della mania di Bond, il 32enne Sean Connery ha sposato la sua prima moglie, l’attrice Diane Cilento, nel 1962 e hanno un figlio, Jason, ma il successo internazionale di James Bond e la continua caccia da parte della stampa erano diventati un peso per Connery e sua moglie. Nel 1973 il suo matrimonio con Diane Cilento si è concluso con il divorzio.

Sean e Micheline Roquebrune si sono incontrati per la prima volta a un torneo di golf nel Marocco nativo di Michelin. Ben presto si innamorarono e nel 1975 si sposarono e iniziarono a crescere una famiglia insieme. La passione della loro relazione sembrava esprimersi nella vita professionale di Sean.

La delusione che Connery ha provato dopo aver realizzato il suo ultimo film di Bond è stata ammorbidita dalla pace e dalla tranquillità che gli ha offerto una moglie e una famiglia amorevoli e una casa tranquilla. Sean Connery e sua moglie Micheline Roquebrune hanno soggiornato in diverse parti del mondo, ma la loro tenuta lungo la costa meridionale della Spagna è stata la loro residenza principale per oltre due decenni. Micheline è una pittrice prolifica. Una delle sue opere è appesa al National Museum of women’s Art di Washington. Sean ha un figlio Jason dal suo precedente matrimonio e Micheline due figli Stephan e Olivier e una figlia Micha. Per oltre due decenni Sean e Micheline sono riusciti a creare una vita privata e pacifica per la loro famiglia in Spagna, ma non è sempre stato facile.

Hey there!

Forgot password?

Forgot your password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Close
of

    Processing files…