Storia e leggende dei vampiri

 



La storia dei vampiri è ricca di antiche mitologie

Nonostante sia una delle creature più antiche e prevalenti della mitologia mondiale, l’ origine dei vampiri è rimasta sconosciuta per migliaia di anni. Solo più recentemente  è stato dato uno sguardo nella storia dei primi vampiri.

Solo un vampiro può creare un altro vampiro, quindi la logica ci dice che la storia dei vampiri inizia con un unico vampiro che ha creato gli altri.  Logicamente, se non c’ era un vampiro per farne il primo, come è stato fatto il primo vampiro?

Secondo la leggenda tutto iniziò nel Mediterraneo.

Il primo vampiro era uomo di nome Ambrogio. Era un avventuriero di nascita italiana che il destino portò a Delfi, in Grecia. Qui è possibile leggere l’ intera storia, ma in poche parole una serie di benedizioni e maledizioni ha trasformato questo giovane nel primo vampiro della storia.

 

 

In particolare, iniziò con il dio sole Apollo (la mitologia greca), che in una forma di rabbia maledì Ambrogio in modo che la sua pelle avrebbe bruciato se mai avesse visto di nuovo la luce del sole. La sfortuna di Ambrogio proseguì quando finì per giocare la sua anima a Hades (la mitologia greca), il dio degli inferi. La maledizione successiva arrivò attraverso la sorella Artemide di Apollo (la mitologia greca), la dea della luna e della caccia, che fece in modo che la pelle di Ambrogio avrebbe bruciato se avesse toccato l’ argento.

Le benedizioni arrivarono subito dopo quando Artemide, prendendo pietà del giovane povero, gli diede il dono dell’ immortalità. Egli avrebbe portato le sue maledizioni – la sua pelle bruciava di luce solare o argento, ma avrebbe vissuto per sempre nella sua forma attuale. Non solo, ma Artemis gli diede anche la velocità e la forza per diventare un cacciatore le cui abilità erano seconde solo alle sue.

Il succhiamento di sangue (che, tra l’ altro, si chiama “ematofagia”) è  in questa “benedizione”. Nella storia, Ambrogio caccia i cigni e usa il loro sangue come inchiostro per scrivere poesie d’ amore alla sua signora Selene.

Il primo clan di vampiri
Ambrogio si trasferì più tardi in Italia, come vampiro a pieno titolo. La leggenda lo ripercorre fino alla città di Firenze, dove crea il primo Clan dei Vampiri.

Non sappiamo molto di questo clan, se non che si trattava di esseri umani che volevano potere e immortalità, e che erano disposti a vendere le loro anime per questo. Si credeva che la maledizione sarebbe continuata per qualsiasi vampiro dove le loro anime sarebbero rimaste negli Inferi (alias Ade aka Inferno), dove potevano tornare a rivendicarli.

Da ciò che conosciamo della storia dei vampiri, il clan crebbe in dimensioni e forza, fino a quando le lotte intestine crearono una sorta di “guerra civile” all’ interno del clan, e molti vampiri se ne andarono a formare i propri clan.

Quello che è successo ad Ambrogio e a coloro che sono rimasti con lui è in gran parte sconosciuto, anche se molti credono che egli risieda ancora da qualche parte a Firenze.

Leggende di vampiri nella storia

C’ è una grande differenza tra le rappresentazioni hollywoodiane dei vampiri rispetto alle leggende folcloristiche. Nei film e nei romanzi, i vampiri sono raffigurati come aristocratici, attraenti e intelligenti con la sete di sangue. Dormono in feretri e sono ben vestiti con lunghi mantelli. Hanno forti capacità mentali come il controllo della mente, la telepatia e possono anche trasformarsi in animali. Nelle leggende folcloristiche, invece, i vampiri sono raffigurati come poco intelligenti e contadini. Erano cremati con o senza essere picchettate nel cuore. Nel folklore, uno diventa un vampiro quando è morso da un altro vampiro.

1.1. Ekimmu

Uno dei primi resoconti di vampiri, risale già al 4000 a. C., in epoca babilonese e sumerica. Secondo la loro leggenda, l'”ekimmu” (inteso come “strappato via“), è un tipo di demone. E’ male perché può aver avuto una morte violenta e inaspettata, con una sepoltura impropria o nessuna sepoltura.

Anche se il succhiamento di sangue non necessariamente può avvenire, l’ ekimmu si nutre della vita di esseri umani, animali e piante.

2.2. Uruku

Uruku “significa un vampiro che attacca gli esseri umani. Può causare gravi lesioni, semplicemente guardando negli occhi. Sembra molto simile ad un ekimmu [demone] in zone deserte, come montagne, mari e cimiteri.

3.3. Succubi e Incubi

Succubi sono vampiri femminili, mentre gli Incubi sono vampiri maschili. Essi seducono e si nutrono di vittime innocenti. Si manifestano nei sogni delle persone e usano la seduzione sessuale per intrappolare le loro vittime nel sonno prima di predare su di loro.

4.4. Lamashtu

Lamashtu (figlia del sole-Dio Anu) era considerato il più malvagio di tutti i demoni femminili, nella religione mesopotamica. Anche lei seducerebbe le sue vittime maschili nel sonno, bevendo il sangue e mangiando la carne. E’ stato anche detto che ha ucciso bambini e causato aborti spontanei nelle donne incinte.

5.5. Lilith

Secondo la demonologia babilonese, Lilith era in realtà la prima moglie di Adamo[non Eva]. Ha disobbedito al marito Adamo ed è stata poi condannata per sempre a vagare sulla terra come demone, trasformandosi a volte in gufo per cacciare la sua preda. Era nota anche per aver messo nella mente degli uomini sogni erotici. Altre vittime preferite sono state donne incinte e neonati.

6.6. Vrykolakas

Questo è un vampiro dell’ antica Grecia. Si tratta di un cadavere posseduto da un demone, che sorge dalla sua tomba di notte e bussa alle porte della gente, chiamandone il nome. Si dice, che se il vrykolakas chiama il tuo nome, si muore di una terribile malattia. Non succhiava sangue e poteva chiamare il nome di una persona solo uno alla volta. Coloro che sono riusciti ad evitare la morte erano quelli che aspettavano che il loro nome fosse chiamato due volte.

 

7. Dracula

Dracula è il più famoso e noto dei vampiri del mondo. Il significato gaelico di Dracula (Drac Ullah) è “cattivo sangue”. Il personaggio del conte Dracula è stato ispirato da un sovrano rumeno, Vlad Dracula, che è stato soprannominato Vlad Tepes, che significa Vlad l'”Impaler”. Fu il principe della Valacchia (una regione della Romania) tre volte, tra il 1448 e la sua morte nel 1477. Entrò in conflitto con i sassoni transilvaniani, devastò i loro villaggi e fece impalare i corpi delle sue vittime. Poi andò nei territori ottomani e continuò a massacrare migliaia di turchi e bulgari.

I suoi atti più crudeli di omicidio giunsero alla fine quando fu ucciso nel gennaio 1477. E’ stato descritto come uno psicopatico, un sadico e un masochista che ha commesso gli omicidi più crudeli e raccapriccianti.

 

 

Come trovare un vampiro?

Trovare un vampiro non è facile: secondo una leggenda rumena avrete bisogno di un ragazzo di 7 anni e di un cavallo bianco. Il ragazzo deve essere vestito di bianco, messo sul cavallo, e la coppia deve essere portata in un cimitero a mezzogiorno. Guarda il cavallo vagare in giro, e la tomba che è più vicino al cavallo quando si ferma è una tomba di vampiro.

Sospettosi sono i bambini nati con un capezzolo supplementare (in Romania, per esempio), con una mancanza di cartilagine nel naso, o un labbro inferiore spaccato (in Russia)… Quando un bambino è nato con un omento rosso, o membrana amniotica, che copre la testa, questo è stato considerato in gran parte d’ Europa come prova presuntiva che è destinato a tornare dai morti”. Tali deformità minori erano viste come presagi malvagi all’ epoca.

La credenza nei vampiri deriva dalla superstizione e da ipotesi errate sul decadimento post mortem. I primi resoconti dei vampiri registrati seguono un modello coerente: alcune inspiegabili disgrazie cadrebbero su una persona, una famiglia o una città – forse una siccità prosciugata o una malattia infettiva colpita. Prima che la scienza potesse spiegare i modelli meteorologici e la teoria dei germi, qualsiasi evento negativo per il quale non vi fosse una causa ovvia poteva essere imputato a un vampiro. I vampiri sono stati una risposta facile alla domanda secolare sul perché le cose cattive accadono alle persone buone.

Come fare per uccidere un vampiro?

Per uccidere un vampiro si usa il palo di legno nel cuore, questa tradizione si è poi riflessa in una fiction popolare che ritrae i pali di legno come vampiri di dispacciamento. Non c’ era un significato particolare nell’ uso del legno; secondo il folklore, i vampiri – come i djinn e molte altre creature magiche – temono il ferro, quindi una barra di ferro sarebbe ancora più efficace di un palo di legno.

Altri metodi tradizionali di uccisione dei vampiri includono la decapitazione e l’ imbottitura della bocca della testa sezionata con aglio o mattone. Infatti, sono state trovate sospette tombe di vampiri con tali segni. Secondo un articolo di Live Science del 2012,”Il corpo della donna è stato ritrovato in una fossa comune sull’ isola veneziana di Nuovo Lazzaretto. Sospettando di essere una vampira, credenza popolare comune all’ epoca, spinsero una roccia nel cranio per impedirle di masticare attraverso  e infettare gli altri con la peste, ha detto l’ antropologo Matteo Borrini dell’ Università degli Studi di Firenze”. Altri ricercatori in seguito hanno contestato questa interpretazione, e suggerito che il mattone potrebbe non essere stato messo in bocca dopo tutto, ma invece era uno dei molti mattoni che circondavano il corpo che semplicemente cadde lì dopo la sepoltura.  Nel 2013, gli archeologi bulgari hanno trovato due scheletri con barre di ferro ; secondo un articolo apparso sulla rivista Archeologica, i due sarebbero stati accusati di vampirismo.

 

 

Come fare per scappare da un vampiro?

Il metodo esatto varia in tutto il mondo, ma in alcune tradizioni il modo migliore per fermare un vampiro è quello di portare con sé un sacchetto di sale. Se siete inseguito, dovete solo versare il sale sul terreno dietro di voi, a quel punto il vampiro è obbligato a fermarsi e contare ogni singolo chicco prima di continuare l’ inseguimento.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Quali sono gli effetti benefici delle uova?

Alcuni fatti interessanti e sorprendenti sull’ Olocausto